Mer 1 Ago 2018 - 815 visite
Stampa

“Spirito d’Irlanda”: alla scoperta degli invitati del Buskers Festival

Uno per uno i venti gruppi protagonisti dell'edizione 2018 con le quattro formazioni di Dublino, città ospite d'onore

“Il cielo d’Irlanda è Dio che suona la fisarmonica. Si apre e si chiude al ritmo della musica…”, canta Fiorella Mannoia. E il cielo di Irlanda e di Ferrara accompagnano idealmente i musicisti invitati della 31esima edizione del Ferrara Buskers Festival.

Dalla città ospite d’onore, Dublino, arrivano i Seasons Change, un duo di cantautori e chitarristi, che si ispirano alle canzoni di Glen Hansard, di Damien Rice e di altri artisti irlandesi, per uno spettacolo da pelle d’oca. Pronto ad emozionare gli spettatori anche David Owens, con un passato da ingegnere e matematico e un presente da pianista. Sarà a Ferrara con la sua speciale tastiera pensata per gli show in strada, la chitarra, la voce calda e la musica dolce. I tradizionali ritmi irlandesi inonderanno di energia il festival con la band The Boxty Gang, tra folk americano delle origini e contaminazioni funk, jazz ed espressioni musicali contemporanee. Un violino sinuoso, il flauto a fischietto, banjo, mandolini, chitarre ed altri strumenti gioiscono tra le mani dei musicisti di Sin A Deir Sí, un’esplosione di suoni che tracciano le note dei pentagrammi dei grandi successi irlandesi. Con loro, la ballerina Aneta Dortová, che trasporterà il pubblico tra ballate e danze popolari della tradizione d’Irlanda.

Torna al Ferrara Buskers Festival per il secondo anno consecutivo come invitata, la band italo-spagnola La Familia Flotante, vincitrice del contest “Vota il tuo busker preferito”, con il suo suono estroso fatto di swing, latin, reggae e funk. Vincitori dello stesso contest, ma per la categoria “musicisti accreditati”, i percussionisti degli Utungo Tabasamu coinvolgeranno gli spettatori con i la loro strampalata orchestra fatta di bidoni, pedane, lavelli, bottiglie di vetro e poi scope, pentole. Sperimentazioni sonore, che si ispirano alle danze della terra africana. Tra i ritmi caldi e cadenzati del Sudafrica si può viaggiare con i Native Young, che fondono i suoni tradizionali con strumenti elettronici ed acustici. Piano Busker arriva invece dal Regno Unito con due pianoforti che suona contemporaneamente, producendo pezzi che prendono ispirazione da melodie celtiche ed elettroniche. Stessa provenienza per gli ironici e scanzonati musicisti del gruppo The Gin Bowlers, pronti a conquistare le strade e le piazze del festival con i suoni dello swing più raffinato e più “sporco” che ci sia, in diverse lingue ed arrangiamenti esclusivi.

Dalla Spagna giungono con violini, viola e violoncello le 4 giovani musiciste di Cuarteto Nelken, che rivendicano la valorizzazione delle donna a partire dal mondo musicale, proponendo musica classica, ma anche popolare. Gli strumenti ad arco sono protagonisti della musica degli Est, Electric String Trio italiano, che a partire dalle composizioni di Mozart, danno origine ad arrangiamenti in cui si fondono jazz e bossanova, gipsy e valzer, con effetti e loop station. Un violoncello elettrico con pedale looper è il particolare strumento suonato da Elemental Cello, che arriva dalla Lettonia con composizioni musicali esclusive, pezzi magnetici, che vanno oltre la musica classica. Il violino, ma anche la chitarra e il basso sono invece gli strumenti di Petr Gros, one man band inimitabile della Repubblica Ceca, che con uno stile tutto personale propone brani di autori come Bob Dylan, Johnny Cash, B.B. King, Ray Charles ed altri.

È un suono di ispirazione quello prodotto dai Tailor Birds, che combina, con l’aiuto di un violino elettrico e della chitarra, live looping, arte foley e voce eterea. Una voce dirompente, che rompe confini e barriere, è quella di Kimia Ghorban, cantante iraniana della Kimia & Tarifa Band, la prima donna dell’Iran a cantare e suonare per strada. La sua è una storia di libertà e di riscatto per le donne della sua terra. Con uno stile orientato al jazz e alla musica persiana, vuole far sentire la forza della sua voce. Kimia vive a Ferrara, come i musicisti di Meltin’Pot che conducono gli spettatori in un vorticoso calderone musicale, da cui pescare dai più classici pezzi dei Beatles e di David Bowie a quelli di gruppi più recenti, con un melting pot di alternative rock. Sentimento e danze avvolgenti conquistano il pubblico con il flamenco selvaggio del gruppo italo-spagnolo A Compas Flamenco, tre musicisti e due ballerine che si esprimono in un percorso di intensità emotiva tra tradizione e modernità, tanghi e vibrazioni di gioia. A Barcellona si sono invece incontrati i MiraMundo, band multietnica che canta e suona brani in giapponese, spagnolo, portoghese, francese ed inglese, tra melodie brasiliane e generi di diverse origini culturali. Lo spirito del bluegrass, la vivacità del folk tradizionale nordamericano si fondono in una miriade di brani dal ritmo serrato con The Harchetations. Folklore latino e suoni afrobrasiliani caratterizzano invece gli show dei Mombé, un invito a viaggiare in luoghi sconosciuti, attraverso le canzoni che nascono dalla vita on the road del gruppo.

Orari spettacoli e Notti Buskers

Gli spettacoli sul palcoscenico estense si terranno tutti i giorni dalle 18 alle 24, ad esclusione di domenica 26, che vedrà gli artisti esibirsi in strada dalle 17 alle 20 e poi sul palco allestito in Piazza Castello, dove dalle 21 a mezzanotte ci saranno i concerti dei musicisti invitati, per la festa finale.

Ogni sera, dopo gli show per strada, Puedes presenta le Notti Buskers nel suggestivo Cortile del Castello Estense, con musica ed artisti dalla mezzanotte in poi.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi