Gio 19 Lug 2018 - 1224 visite
Stampa

Cantieri in due scuole di Ferrara su cinque

Fino a settembre numerosi lavori nel 40% dei plessi. Investimenti per 3,6 milioni. Modonesi: "Sono quelli più utili alla comunità"

di Simone Pesci

Nonostante la pausa estiva, i plessi scolastici ferraresi non resteranno di certo chiusi. Meglio: porte sbarrate agli alunni e agli insegnanti, ma non agli operatori edili, che fino a settembre lavoreranno in 25 scuole. Contando che gli edifici scolastici sono circa 60, i lavori riguarderanno il 40% della totalità dei plessi. Costo dell’operazione, per questa lunga estate di cantieri dell’edilizia scolastica, è di 3,6 milioni di euro, 1,1 dei quali per interventi di manutenzione ordinaria.

“E’ uno sforzo importante, magari sono i cantieri meno visibili ma sono gli investimenti più utili per la comunità” commenta l’assessore ai Lavori pubblici Aldo Modonesi. Coperture, eliminazione delle barriere architettoniche, interventi sull’impianto antincendio, rifacimento delle coperture e, soprattutto, interventi sul consolidamento strutturale degli edifici, ambito nel quale, dal 2012 in poi, si ha un certo occhio di riguardo. In tal senso deve essere letto il contributo del Miur per le scuole Ciari di Cocomaro e per la Leopardi: 455 mila euro di fondi ministeriali saranno investiti in questi due edifici, che saranno oggetto dei lavori più ‘pesanti’.

Inoltre ci sono quegli interventi, definiti piccoli, come la sostituzione degli infissi e l’abbellimento dei cortili: “Contribuiscono a rendere gli edifici scolastici più belli e più vivi e non sono certo secondari” sottolinea l’assessore alla Pubblica istruzione Cristina Corazzari. Nonostante l’importante mole di lavoro, i tecnici assicurano che per settembre sarà tutto a posto e “non sarà perso nemmeno un giorno di scuola”.

L’estate 2018, in termini di lavori all’edilizia scolastica, anticiperà quella del 2019, che si preannuncia sulla falsariga di quella corrente. Come spiega Modonesi ci sono già “dei lavori programmati, e per i quali ci siamo già assicurati altri fondi ministeriali per interventi di consolidamento strutturale”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi