Lun 4 Giu 2018 - 2676 visite
Stampa
Questo articolo fa parte di Estense.troll, la rubrica satirica di Estense.com.

In tilt il generatore automatico di profili di Andrea Rossi

Svelato il mistero attorno allo storico ferrarese più conosciuto su Facebook

di Cepparello da Prato

Andrea Rossi, Andrea Rossi Uno, Andrea Rossi Due, Tre, Rossi Andrea, Andrea Rouge, Rouge Andrea (anche se quello a cui tutti sono più affezionati è l’Andrearossi tutto attaccato, come il Pablito del Mundial..)… e l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Almeno fino a quando da Palo Alto continueranno a bloccare i suoi profili che spuntano come funghi allucinogeni sul social di Zuckerberg.

In molti si sono chiesti in questi anni come potesse il buon Andrea Rossi, lo storico ferrarese più conosciuto su Facebook, essere in grado di incrementare a livello esponenziale il numero dei suoi profili. Era dai tempi dei pani e dei pesci che non si assisteva a una moltiplicazione tanto prodigiosa.

Altro arcano mai svelato: come cazzo faceva Andrearossi a seguire profili e conversazioni di centinaia di utenti ogni giorno, ogni notte, ogni minuto, in tutti i modi, in tutti i luoghi in tutti i laghi in tutto il mondo? E, soprattutto, a riuscire a non dire nemmeno una cosa intelligente?

Il mistero è venuto alla luce. Il nostro AR utilizzava un sofisticato generatore automatico di profili. Complice un infernale algoritmo, poi, il meccanismo faceva intervenire i vari avatar andrearossettiani a caso nelle bacheche di mezzo globo. Di qui la spiegazione degli interventi che negli anni hanno messo in crisi più di un evoluzionista.

Ma il giochino si è rotto quando, terminata l’orda di possibili combinazioni, il generatore è passato agli anagrammi. I bene informati sostengono che il meccanismo è andato in tilt quando ha computato “Sì, ero Sandra”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa