Gio 3 Mag 2018 - 1004 visite
Stampa

Mobbing, stalking e violenza di genere: il ruolo della medicina legale

La valutazione del danno è utile sia nel procedimento penale che in quello civile per la quantificazione economica. L'intervento del professor Martini

Il medico legale è uno specialista che si occupa di questioni mediche, che possono avere risvolti in ambito giuridico. Il medico legale non è dunque un “clinico” (semmai si avvale dei clinici per una precisazione utile alla valutazione) ma interviene nella valutazione della natura e dell’entità del danno alla salute, in base a riferimenti tabellari previsti da norme specifiche o avvalorate dalla letteratura scientifica.

I fenomeni del mobbing, dello stalking e della violenza di genere sono ormai emersi all’onore delle cronache, il che sta permettendo di evidenziare sempre di più aspetti allarmanti della vita sociale, anche se – spesso occultati per vari motivi – appartengono ad ancestrali storie di violenza, soprattutto contro le donne e in ambito lavorativo, anche se non sono da dimenticare la violenza a minori ed anziani.

Il mobbing è costituito da un insieme di azioni persecutorie, prolungate nel tempo, in genere in ambito lavorativo, attuata da superiori, ma anche da colleghi, con lo scopo di isolare la vittima, ridurne le sue potenzialità lavorative, risolverne il rapporto di lavoro, o comunque e metterla in condizioni di abbandonarlo per averle ingenerato una condizione di incapacità (ad esempio, a causa di una grave depressione etc.). Il mobbing è attuato con varie modalità: biasimi, mortificazioni, controlli opprimenti dell’attività svolta, l’esclusione dalla partecipazione alla formazione professionale etc. Un corrispettivo del mobbing in ambito lavorativo è il bossing, attuato tra giovani e adolescenti.

Lo stalking è costituito invece da un susseguirsi di condotte persecutorie, ripetute ossessivamente nel tempo (telefonate, email, sms, molestie di varia natura, pedinamenti, minacce), tali da rendere insostenibile la vita privata e lavorativa della vittima, in genere produttive di reazioni psichiche anche gravi (ad esempio, la nota Sindrome Post- Traumatica da Stress), ma anche fisiche (a causa di percosse, maltrattamenti etc.). Lo stalking è stato compendiato nell’ordinamento giuridico italiano alla legge n. 38/2009), che ha introdotto all’art. 612-bis del codice penale il reato di “atti persecutori”; ovverosia, identificando nello “stalker” colui che < con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita >). I numerosi femminicidi che purtroppo registriamo con elevata e preoccupante frequenza sono di regola l’ultimo atto dello stalking, integrando la violenza di genere.

Anche se la questione non è ancora affrontata con l’efficienza che richiederebbe, alcune vittime di mobbing, o di stalking, o di violenza di genere hanno iniziato a rivolgersi o direttamente alla Autorità Giudiziaria, oppure a studi legali, cercando una maggiore tutela, ma anche per essere risarcite a causa dei danni patiti, sia fisici, sia – soprattutto – psichici.

Ecco il motivo per cui – in tali circostanze – viene richiesta l’opera del medico legale, ovvero per avere un preciso quadro del danno, fisico e/o psichico. Tale valutazione può essere eseguita dal medico legale anche avvalendosi di altri professionisti, in particolare psichiatri e psicologi, quantificando la natura e l’entità del danno e offrendo una puntuale valutazione, utile sia nel procedimento penale contro il “mobber”, o lo “stalker”, sia nel procedimento civile per una quantificazione economica del danno.

All’Ospedale privato accreditato Quisisana sono erogate consulenze medico legali in materia, che offrono un servizio attento e appropriato per le vittime di mobbing, stalking e violenza di genere, necessario per coloro che si ritengono lesi nei propri diritti alla salute a causa di tali vicende.

Prof. Dott. Mauro Martini, Specialista in medicina legale e delle assicurazioni specialista in ematologia clinica

NEL VIDEO L’INTERVISTA-INTERVENTO SUL TEMA DEL PROF. DOTT MAURO MARTINI DI QUISISANA, SPECIALISTA IN MEDICINA LEGALE E DELLE ASSICURAZIONI, SPECIALISTA IN EMATOLOGIA CLINICA

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Articolo offerto da Quisisana

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi