Mer 18 Apr 2018 - 1375 visite
Stampa

Reagisce e ferisce un ispettore di Polizia

Arrestato un nigeriano di 26 anni che ha ingaggiato una colluttazione per sfuggire a un controllo

Nel notificare un atto del tribunale di Ferrara a un cittadino nigeriano agli arresti domiciliari, due ispettori della Divisione Anticrimine della Questura si sono imbattuti in altri suoi connazionali nascosti nello stesso appartamento di un condominio di via XXV Aprile, uno dei quali è stato arrestato per aver ingaggiato una colluttazione con un ispettore nel tentativo di sfuggire al controllo.

Quando sono entrati nell’appartamento per notificare l’atto, i due ispettori della Polizia di Stato hanno subito riscontrato un atteggiamento anomalo da parte dello straniero destinatario del provvedimento, non collaborativo e preoccupato che gli ispettori potessero accedere a una stanza in particolare. Facile intuire che il pregiudicato non era da solo, ma in compagnia di altri connazionali nigeriani di cui, evidentemente, non voleva far sapere della presenza. Tre di questi, avuto il sentore del controllo in corso e con l’intenzione di sottrarsi, sono sgusciati fuori dalla stanza dove si trovavano nascosti e si sono diretti velocemente verso l’uscita per guadagnarsi la fuga.

Gli agenti hanno intimato di fermarsi, ma imperterriti i tre hanno proseguito la corsa fino alla porta d’ingresso del condominio dove il primo è riuscito a dileguarsi, mentre quello che lo seguiva ha sbattuto violentemente la porta addosso ai poliziotti. Uno è stato bloccato mentre l’altro, raggiunto il cortile e trattenuto per un braccio, ha cercato a ogni costo di divincolarsi dalla presa dell’ispettore, oltre ad avergli afferrato la mano distorcendogliela con violenza. Al termine della colluttazione l’operatore è riuscito ad avere la meglio e lo ha arrestato.

Dopo le formalità presso gli uffici della Questura, O.U., 26enne di nazionalità nigeriana, è stato trattenuto nelle celle di sicurezza dove si trova in attesa del giudizio per direttissima. All’ispettore superiore della Polizia di Stato sono state riscontrate lesioni giudicate guaribili in 21 giorni.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi