Sab 17 Mar 2018 - 54 visite
Stampa

Gli alunni della ‘Boiardo’ in visita ai coetanei a Cona

La classe I D alla 'Scuola in Ospedale' nel reparto di Pediatria

Gli allievi della scuola secondaria M.M. Boiardo hanno portato doni, curiosità ed entusiasmo ai loro coetanei ricoverati al S. Anna.

Nel pomeriggio di mercoledì 14 marzo la classe I D della scuola secondaria di primo grado “M.M. Boiardo”, facente parte dell’Istituto Comprensivo Alda Costa di Ferrara, si è recata in visita alla “Scuola in Ospedale” (Sio), che ha sede presso il reparto di Pediatria dell’ospedale S. Anna di Cona; gli studenti erano accompagnati dalle professoresse Romagnoli, Facchini, Vernacotola e dalla dirigente scolastica Stefania Musacci.

Un’opportunità per far conoscere agli allievi una realtà scolastica molto diversa dalla loro e non convenzionale, ma fondamentale per i loro coetanei che vivono situazioni di ospedalizzazione e ai quali va assicurato il diritto all’istruzione.

Gli alunni, i loro insegnanti e la dirigente scolastica sono stati accolti da Olga Gamberini, responsabile dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Azienda ospedaliera, dalle insegnanti della Scuola in Ospedale e accompagnati nell’area pedagogico-didattica della Sio.

Successivamente le docenti della scuola in ospedale, insieme ai volontari della BiBliotecaBlù dell’Associazione Circi, hanno ampliamente esposto tutte le attività che quotidianamente si svolgono all’interno di tale area, rispondendo anche alle numerose domande che gli studenti hanno rivolto loro. Molto simpatico e coinvolgente è stato anche il momento ludico-didattico in cui gli studenti sono stati coinvolti dai clown del BiBlù.

Gli allievi della classe I D hanno preparato, con l’aiuto e il coordinamento dei loro insegnanti, segnalibri che hanno portato in dono ai loro coetanei ricoverati; in ognuno appare anche un messaggio di affetto, amicizia e speranza di una pronta guarigione. Per i docenti e la dirigente scolastica “questa esperienza è stata coinvolgente e significativa per gli studenti e sicuramente rappresenta un punto non di arrivo ma di partenza per  nuovi  stimoli formativi”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi