Ven 2 Mar 2018 - 375 visite
Stampa

Al Museo del Risorgimento la storia si fa in un clic

Studenti a lavoro per iniziare il progetto di didattica, vincitore di ‘Io amo i beni culturali’

di Lucia Bianchini

“La città di Ferrara con le sue scuole partecipa a molti bandi riguardanti i beni culturali, indetti dalla Regione ma anche dall’Istituto per i beni artistici, e ogni volta ci segnalano l’alto livello dei progetti realizzati. Dal punto di vista culturale Ferrara gioca in serie A”.

Con queste parole Massimo Maisto, vicesindaco e assessore alla cultura, ha presentato l’iniziativa ‘La storia con un clic: percorsi di didattica museale all’interno del museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara’, vincitore della settima edizione del concorso ‘Io amo i beni culturali’ per la sezione musei, e che per questo riceverà un premio di 4mila euro.

Il progetto ha come obiettivo la creazione di una sezione didattica digitale e virtuale all’interno del sito internet del museo, fruibile ai visitatori dell’esposizione e alle classi che vogliano approfondire il tema.

Parteciperanno all’attività diverse scuole di ogni ordine e grado: l’istituto comprensivo statale ‘Alda Costa’, il liceo ‘Carducci’ e il liceo ‘Roiti’, in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea, MuseoMix, associazione culturale di ricerche storiche ‘Pico Cavalieri’, Anpi, Lions Club Ferrara Estense, l’attrice e pedagogista Alessia Passarelli, e le documentariste Rita Bertoncini e Maria Bonora.

“Il nostro intento è essere anche un centro di promozione culturale- ha affermato Stefania Musacci, dirigente dell’Ics Alda Costa- le iniziative entrano nell’ambito dei progetti di cittadinanza attiva: per i nostri alunni poter conoscere le realtà culturali presenti nel territorio è davvero un’esperienza fondamentale”.

L’attività prevede il coinvolgimento di circa 250 ragazzi e si realizzerà in tre fasi, una prima di esplorazione e conoscenza delle collezioni del museo riguardanti il Risorgimento Italiano, la Prima Guerra Mondiale e la Resistenza, a cui seguirà la realizzazione di materiali didattici in formato digitale riguardanti i tre percorsi storici e la progettazione di un percorso di didattica digitale sul sito web del museo.

Con la scuola media ‘Boiardo’ Alessia Passarelli realizzerà inoltre un progetto teatrale che vedrà come protagonisti due importanti figure della storia di Ferrara: Carlo Mayr e Rosa Angelini.

“Abbiamo deciso di realizzare questo lavoro per farne dono alla città– ha spiegato Antonella Guarnieri, responsabile del museo del Risorgimento e della Resistenza-, ma soprattutto ai ragazzi: arrivano al museo bambini di sei anni che dopo le attività non vogliono più andare via, adoro la loro curiosità, sono riflessivi, vogliosi di capire”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi