lun 12 Feb 2018 - 173 visite
Stampa

Le mete turistiche consigliate da Skyscanner

Skyscanner è un motore di ricerca dedicato ai viaggi molto utilizzato dai turisti in cerca di alloggi e soluzioni turistiche: per il 2018 ha stilato un elenco di alcune città europee da non perdere. Ovviamente non si tratta di mete classiche, ma di destinazioni che di solito non rientrano tra le scelte più tradizionali: ecco perché vale la pena di scoprirle.

Ragusa Ibla

Non poteva mancare una località italiana: si tratta di Ragusa Ibla, inserita dall’Unesco nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità. Questo antico quartiere di Ragusa, nel profondo sud della Sicilia, mostra tutta la bellezza dell’arte barocca, tra chiese e palazzi decorati. Il consiglio è quello di salire su Santa Maria delle Scale, in modo tale da poter godere di una visione panoramica unica, prima di scendere tra le stradine del centro. L’aeroporto più vicino è quello di Comiso, situato a una quindicina di chilometri, mentre non lontano, nel territorio comunale di Scicli, c’è il villaggio turistico di Baia Samuele, che permette di godere di tutti i comfort di una struttura ricettiva di alto livello in uno scenario naturale da cartolina.

Alhambra

Altro che Madrid o Barcellona: la località più suggestiva di tutta la Spagna è di sicuro Alhambra, che fa parte dei patrimoni mondiali riconosciuti dall’Unesco. Ci troviamo in Andalusia, ma sembra di essere in Oriente, almeno osservando lo stile architettonico degli edifici che costellano questa città murata, una sorta di enorme fortezza che mette in mostra decorazioni appariscenti e un gran numero di fontane. I mattoni cotti al sole che colorano di rosso le mura esterne rappresentano solo una delle meraviglie di questa città. 

Leewarden

Chi va in vacanza nei Paesi Bassi di solito lo fa per viaggiare ad Amsterdam, o al massimo a Rotterdam. Ecco perché inserire la città di Leewarden in un tour turistico potrebbe essere sorprendente. Eppure nei prossimi mesi ne sentiremo parlare spesso, anche perché per il 2018 è stata eletta Capitale Europea della Cultura: capoluogo della provincia settentrionale della Frisia, è nota soprattutto per il Fries Museum, una struttura all’avanguardia che ha accolto un’esposizione incentrata su Mata Hari, che aveva proprio origini frisone.

La Valletta

No, non si parla di Sanremo ma della capitale di Malta, che insieme con Leewarden è stata nominata Capitale Europea della Cultura per l’anno in corso. La città deve il proprio nome a un Grande Maestro dei Cavalieri di San Giovanni, Jean Parisot de la Vallette, ed è un concentrato di stili e culture unico, anche per merito della sua posizione nel Mediterraneo. Insomma, la città è a metà strada tra l’Italia e l’Africa, eppure si parla inglese: nella Concattedrale di San Giovanni, però, si possono ammirare due opere di Caravaggio. 

Brighton

Chi vuole evitare la confusione e la banalità di Londra ma ama il Regno Unito può puntare sulla “Londra di mare”, e cioè Brighton, collocata a un’ora di distanza dalla capitale, sulla costa meridionale. Città universitaria, con due atenei che accolgono migliaia di studenti ogni anno, propone cinema in spiaggia e pub alla moda: insomma, tutto il divertimento che si può desiderare, anche per gli hipster, per i frequentatori di caffè letterari o per gli appassionati di street art

Kamares

Kamares è una località greca che, per il momento, non ha ancora conosciuto il turismo di massa. Per fortuna, verrebbe da dire immergendosi nell’atmosfera mediterranea che la contraddistingue, e che attualmente poche isole hanno conservato. Kamares si trova sull’isola di Sifnos, nelle Cicladi, di certo meno celebre di Santorini e di Mykonos ma non per questo meno spettacolare, soprattutto con le luci dell’alba o con quelle del tramonto. Kamares è arroccata su una collina in cui dominano le casette bianche tipiche del paesaggio locale, alternate a mulini a vento che permettono di compiere un tuffo indietro nel tempo e a monasteri a dir poco meravigliosi. La spiaggia di Platy Yalos è una delle più belle, mentre ad Agia Marina non mancano le taverne in cui assaporare i gusti della gastronomia locale. 

Messaggio pubbliredazionale

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi