Lun 29 Gen 2018 - 315 visite
Stampa

Proteggere la casa in modo intelligente? Si può

Nessuno può garantire una protezione della propria abitazione al 100%, ma si può far di tutto per cercare di raggiungere quella percentuale, agendo contro chi vuole introdursi abusivamente nella nostra vita privata

Nonostante il fatto che ci siano ladri preparati a tutto, è necessario considerare l’opportunità di rendergli al vita il più difficile possibile. Questo ci farà vivere meglio, probabilmente, farà desistere anche i malviventi dal ritentare.

I ladri per compiere il loro crimine, oltre ad abilità e attrezzatura, hanno bisogno di tempo. Questo ci porta ad una pensiero molto semplice: maggiori sono i sistemi di allarme previsti per evitare il furto, maggiore sarà il tempo che il ladro dovrà impiegare per disattivarli e guadagnarsi l’accesso. Inoltre, più allarmi, più rischio per i malviventi.

Probabilmente, i delinquenti, potranno arrivare a fare qualche danno esterno, ma non riusciranno ad entrare nella vostra abitazione e fare razzia del tutto indisturbati.

Dopo questa riflessione, viene da sé che installare un impianto antifurto efficace e moderno è la soluzione migliore per proteggere i propri beni e la propria privacy.

Se all’impianto d’allarme aggiungiamo porte blindate e finestre antintrusione, siamo quasi in una botte di ferro.

Come deve essere un antifurto casa per essere sicuro?

L’antifurto casa, per essere sicuro, deve prevedere un mix di azioni che vengono avviate nel moneto in cui qualcuno cerca di violare la zona protetta dall’impianto si sicurezza. Allarme sonoro, visivo, messaggi telefonici sono avviati tutti contemporaneamente dalla centralina che è stata avvisata dai sensori.

I sensori volumetrici sono quelli che rilevano la presenza di un elemento all’interno dell’area protetta, mentre i sensori perimetrali si attivano quando qualcuno cerca di passare la barriera che creano. I perimetrali, infatti, in genere si utilizzano in aree aperte come giardini, cortili, box, o terrazzi. Creano una barriera che viene attivata nel momento in cui qualcuno cerca di sorpassarla. Per chi ha abitazioni con aree aperte, o terrazze molto grandi, i due sistemi uniti creano un’ottima protezione.

Chi sta pensando di proteggere la propria abitazione da incursioni indesiderate, può trovare ottimi consigli su www.antifurtocasa.biz/marche-e-modelli/ il blog leader del settore sicurezza.

In questo sito potrete trovare tutte le informazioni che cercate come, ad esempio, quella che vi spiega come collegare l’antifurto ad un sistema domotico, opportunità che offre tantissime funzionalità gestibili dal proprio smartphone o tablet.

La gestione da remoto di un impianto d’allarme, infatti, è particolarmente comoda e sicura, potendo tenere sempre tutto il controllo della casa in una mano.

Antifurto casa: dove, come e chi

L’allarme casa, oltre ad avere determinate caratteristiche per l’immobile che deve proteggere, deve essere posizionato anche in punti strategici e determinati.

Assumere le giuste informazioni rende l’utente consapevole di quello che va ad acquistare. La consapevolezza serve a sensibilizzare l’utilizzatore su tutte le funzioni di un impianto allarme che, più sarà sofisticato, più sarà ricco di funzioni. Queste devono essere conosciute in tutti i loro dettagli per essere sfruttate a meglio e rendere il massimo.

Su Antifurtocasa.biz troverete tantissime informazioni necessarie a prendere confidenza con questo mondo non conosciuto da tutti.

I vari sistemi, la tecnologia, le offerte diverse, le funzionalità, la risposta alle varie esigenze, sono solo alcuni degli aspetti che potrete chiarire visitando questo sito di produttori e rivenditori di sistemi di sicurezza.

Non bisogna pensare che una consulenza fa aumentare il costo di un antifurto. Al contrario vi farà impiegare al meglio i vostri soldi garantendovi un risultato sicuro nel tempo. Inoltre, un’azienda seria e riconosciuta a livello internazionale, vi garantisce anche il disbrigo di quelle operazioni burocratiche che potrebbero portarvi via tempo, come quella per ottenere la detrazione del 50% riconosciuta dalla legge di stabilità per il 2017.

I componenti principale di un impianto d’antifurto sono costituiti da:

Centralina, il cervello di tutto il sistema;

Sensori e rilevatori che registrano la presenza di qualcuno e mandano il segnale alla centralina.

Presentato in questo modo sembra molto facile da installare, ma non bisogna farsi ingannare dalle apparenze.

I sensori e al centralina possono comunicare tramite cavo o wireless. Ovviamente, le versioni più moderne, tendono ad utilizzare il wireless poiché non servono fili e, di conseguenza, opere murarie.

La centralina, quando riceve i segnali dai sensori (che possono essere di diverso tipo come magnetici, perimetrali, volumetrici, ecc.) elabora il segnale e invia subito lo stato d’allarme alla sirena e ai numeri di telefono collegati che, in genere, sono quelli del proprietario e delle forze dell’ordine o dell’istituto di vigilanza.

Tra i sensori, il più evoluto, è il sensore PIR. La sua caratteristica è quella di esser munito da un raggio che, quando attraversa un corpo, riesce ad analizzarlo e a distinguere se si stratta di un essere umano, animale o oggetto. Questo sensore è adatto per l’esterno se si hanno animali o se svolazzano foglie o rami, ma adattabile anche all’interno per trasformare il vostro sistema d’allarme in pet friendly.

I sensori, nella loro vastità, prevedono anche quelli a tecnologia doppia che utilizzano infrarosso e microonde oppure i sensori a doppia frequenza per ridurre i falsi allarmi. La tecnologia è sempre alla ricerca di soluzioni sempre più raffinate e sicure per tutelare la nostra incolumità.

Nella composizione del sistema d’allarme, un ruolo fondamentale, è giocato dalla sirena che deve essere ben visibile, in modo da far capire ai malviventi che l’ambiente è protetto da un antifurto. Oltre a fare da deterrente per i malviventi, è l’allarme sonoro che allerterà tutti sul crimine che si sta perpetrando.

Su Antifurtocasa.biz si possono trovare tutte le informazioni necessarie a farsi un’idea su quello che il mercato offre, inoltre si possono consultare manuale, video, forum, blog che aiuteranno a dissipare la nebbia che si può creare durante una scelta così importante.

Messaggio pubbliredazionale

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi