Mer 17 Gen 2018 - 1178 visite
Stampa

Più di 300 i vini in degustazione con Bacco a Palazzo

Palazzo Crema e Palazzo Roverella ospiteranno a Ferrara la terza edizione della rassegna

di Lucia Bianchini

Più di trecento i vini in degustazione e 75 le aziende che presenteranno i loro prodotti in due palazzi storici della città, Roverella e Crema, in occasione della terza edizione di ‘Bacco a Palazzo’, che si terrà sabato 20 e domenica 21 gennaio dalle 10 alle 20.

“Abbiamo voluto mantenere il connubio enogastronomia e cultura comprendendo anche palazzo Crema nella nostra iniziativa”, ha affermato Adelaide Vicentini, ideatrice e organizzatrice- quest’anno saranno 75 le aziende partecipanti, 69 vitivinicole e 6 di food che proporranno prodotti di tutta l’Italia”.

Nelle due giornate saranno organizzati tre particolari percorsi di degustazione guidata a palazzo Crema, in via Cairoli 13: sabato 20 alle ore 16 “Il Sangiovese: patrimonio d’Italia”, domenica 21 alle ore 16 “I vini dimenticati” e alle ore 18 “Il Piemonte: la terra dei re”.

Nel pomeriggio del sabato alle ore 15 saranno premiati i vini ‘Coup de Coeur’: la miglior bollicina, il miglior bianco e il miglior rosso.

Nella serata di sabato 20 si terrà sempre a palazzo Crema la cena con il produttore, in cui i vini dei produttori che hanno partecipato saranno abbinati a proposte gastronomiche.

‘Bacco a Palazzo’ ha anche una valenza sociale: durante l’iniziativa sarà presentato il proseguimento dei lavori del progetto di Ado ‘La casa del Sollievo’.

La cena di gala avrà un costo di 45 euro ed è necessaria la prenotazione. Le degustazioni guidate si svolgeranno con un minimo di 15 partecipanti ed avranno un costo variabile tra i 15 e i 20 euro. Il costo del biglietto di ingresso per una giornata è di 15 euro, per due giornate di 20 euro, per i soci Ais, Anag, Ado è di 10 euro. I biglietti per le varie iniziative sono acquistabili online al sito www.baccoapalazzo.com oppure nelle biglietterie il giorno della manifestazione.

“In questa manifestazione è forte il connubio tra commercializzazione e promozione culturale ed enogastronomica – ha commentato Roberto Serra, assessore al commercio-. Una nota che dispiace è che siano pochi i vini ferraresi in degustazione, non siamo noti in questo ambito, ma al Vinitaly di Verona i vini del nostro territorio acquisiscono importanza”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi