Sab 16 Dic 2017 - 251 visite
Stampa

Le incisioni del Guercino, un orgoglio tutto centese

Inaugurata la mostra permanente al centro Pandurera

di Serena Vezzani

Cento. “Due fondazioni che si fanno esempio di cultura circolare”. Così Milena Cariani, presidente della fondazione teatro Borgatti, ha inaugurato la mostra permanente dedicata alle incisioni del Guercino e altri artisti presso il centro Pandurera.

Un “orgoglio tutto centese” questa iniziativa, che si propone come progetto di valorizzazione di 29 delle 1080 opere che la fondazione Cassa di risparmio di Cento ha recentemente acquistato, e che grazie alla fondazione Teatro Borgatti saranno visibili al pubblico di tutto il territorio centese e non.

Tra gli artisti selezionati per la mostra, vi sono Stefano Mulinari, Giovanni Ottaviani, Bernardino Curti, Francesco Curti, Domenico Maria Bonaveri, Adam Von Bartsch, Domenico Cunego, Arthur Pound, Clemente Nicoli, Giuseppe Zauli, Gianfracnesco Mucci, Pasqualini Giovanni Battista, Francesco Rosaspina. E il dialogo tra “un ambiente nuovo come quello della Pandurera e il vecchio della cultura” non potrà che riscoprirsi vincente, dichiarano Gianni Cerioli, responsabile della commissione Arte e cultura della fondazione Caricento, e Salvatore Amelio, presidente del centro studi Guercino.

Una “grande soddisfazione” per il sindaco Toselli, “poter portare il busto Borgatti qui in Pandurera, e una testimonianza di questo vento nuovo che sta soffiando su tutta Cento”.

Previsti per il 2018, infatti, tanti eventi che vedranno l’arte, ma soprattutto quella del Guercino, al centro, nell’ottica di fare della cultura “il vero volano della città”,

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi