Mar 7 Nov 2017 - 218 visite
Stampa

“Meno spreco più solidarietà”, i dati a un anno dal progetto

Donati dall'Azienda Ospedailera 1.872 primi, 1.733 secondi, 1.356 contorni e 815 pizze all'associazione Viale K-Casa di Stefano

Si è concluso il primo anno di collaborazione tra l’Azienda Ospedaliero–Universitaria di Ferrara e l’Associazione Viale K-Casa di Stefano, realtà a cui il S.Anna devolve quotidianamente i pasti non consumati dalla mensa dei dipendenti dell’Azienda preparati da Serenissima Ristorazione Spa.

Nel corso del 2017 sono stati donati 1.872 primi, 1.733 secondi, 1.356 contorni e 815 pizze.

Il progetto #menosprecopiusolidarieta è nato un anno fa grazie all’intuizione della dottoressa Melissa Teodorini e della Direzione delle Professioni Sanitarie che, insieme alle dietiste dell’Azienda – Simona Colombari, Cristina Sgarbi e Annachiara Piva – hanno costruito e contribuito alla realizzazione del progetto.

La disponibilità a collaborare del capo centro del Servizio Ristorazione di Serenissima, Stefano Veronesi, ha mosso l’Azienda a trovare una onlus che avesse le caratteristiche necessarie per ricevere questo “piccolo dono”: ovvero vicinanza alla struttura ospedaliera e un numero di ospiti non troppo elevato.

In via sperimentale è stata scelta la struttura di “Casa Ginestra” dell’Associazione Viale K, gestita da don Domenico Bedin, che si trova a Cocomaro di Focomorto e ospita circa 20 persone. Alla chiusura del self-service dell’Ospedale di Cona le porzioni rimaste nei banchi scalda-vivande sono quotidianamente raccolte dagli operatori addetti al servizio mensa (Annalisa Camatari e Sulpizio Gilles). I pasti vengono trasferiti all’interno di contenitori alimentari e successivamente introdotti all’interno di una macchina che abbatte la temperatura rendendo sicure le pietanze per un utilizzo successivo. I cuochi Franco De Luigi e Melisa Bizzi, dopo il tempo necessario per il raffreddamento, tolgono i contenitori con le pietanze e li consegnano al signor Armando dell’Associazione K, autista e cuoco della Casa.

Il ritiro delle casse termiche contenenti i pasti che arrivano per la cena sulle tavole dei commensali, ai quali sono stati destinati, rappresentano un dono per chi lo offre e per chi lo riceve che ricorda a tutti l’importanza di dedicare un po’ di attenzione, di tempo e un po’ di sé agli altri.

“Per la nostra struttura d’accoglienza questo progetto è un grande dono – ha messo in evidenza don Bedin –  perché il cibo che arriva è ottimo ed è pronto per essere consumato. Per noi questa esperienza si è dimostrata molto positiva e ci auguriamo che possa continuare nel tempo. Cogliamo l’occasione per ringraziare l’Azienda Ospedaliera per l’opportunità che ci ha dato e che ci permette di migliorare la qualità di vita dei nostri ospiti”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi