Mar 3 Ott 2017 - 389 visite
Stampa

Carradori (Sant’Anna) assolto dall’accusa di abuso d’ufficio

Il dg dell'Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara era a processo a Ravenna per fatti relativi a quando era dirigente di Area Vasta

Tiziano Carradori

Secondo il giudice di Ravenna non vi fu abuso d’ufficio e ha assolto in rito abbreviato l’attuale dg del Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara, Tiziano Carradori.

L’accusa era nata a seguito dell’inchiesta sull’assegnazione di incarichi professionali a tre medici, ai tempi in cui Carradori era dirigente dell’Area Vasta. Con lui a processo erano finiti l’altro ex direttore di Area Vasta Andrea Des Dorides, il direttore del distretto di Ravenna Alberto Mainardi e quello della locale unità operativa cure primarie Riccardo Valiero.

La procura ravennate ha chiesto condanne a quattro mesi per tutti, ma per tutti il giudice Piervittorio Farinella ha deciso per l’assoluzione piena “perché il fatto non sussiste”.

Secondo l’accusa il reato di abuso d’ufficio si sarebbe concretizzato nell’aver intenzionalmente procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale a tre medici, violando la legge 165 del 2001: il testo unico sul pubblico impiego. Il pubblico ministero contestava la possibilità di lavoro offerta nel reparto di Cure Primarie di Ravenna a tre medici che inizialmente lavoravano con un incarico libero professionale di un anno e che poi, almeno in un caso, sarebbero stati confermati con proroga. Incarichi negli anni 2010-2014 che per l’accusa sarebbero stati illegittimi in quanto assegnati a medici appena specializzati e quindi con un’esperienza professionale ritenuta inferiore a quella di un quarto medico più anziano, che aveva presentato ogni anno domanda di trasferimento dalle Cure Primarie di Faenza a quelle di Ravenna già a partire dal 2003. Secondo questa ricostruzione, i direttori Varliero e Minardi presentarono a fine ottobre 2009 una richiesta di incarico libero professionale per un medico, seguita da richiesta proroga a fine febbraio 2011. Le relative delibere, datate marzo 2010 e marzo 2011, portano la firma di Carradori. Situazione analoga a quella tratteggiata per altri due incarichi professionali chiesti a inizio luglio 2012 e a fine settembre 2013, poi attivati con delibere di fine luglio 2012 e inizio ottobre 2013, questa volta con delibere firmate da Des Dorides.

Secondo gli inquirenti la finalità comune sarebbe stata quella di realizzare un progetto chiamato ‘Sviluppo di modelli organizzativi e gestionali nell’ambito delle cure primarie’, che avrebbe giustificato la necessità di coinvolgere nuovi medici, escludendo di fatto quello che già lavorava per l’Ausl ravennate e che da diversi anni chiedeva di entrare nel reparto Cure Primarie. A questo medico, però, anche il giudice del lavoro aveva già dato torto.

Per la stessa vicenda rimane ancora in piedi un procedimento amministrativo davanti alla Corte dei Conti per danno erariale dovuto alla violazione della legge sugli incarichi professionali.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi