Ven 14 Lug 2017 - 110 visite
Stampa

Alla Camera del Lavoro la tela del pittore Ngwenja Malangatana Valente

L'opera dell'artista del Mozambico realizzata al Festival dei Diritti verrà collocata definitivamente nella Sala Verde

Lunedì 17 luglio alle ore 17 verrà collocata definitivamente nella Sala Verde della Camera del Lavoro di Ferrara la tela dell’artista Ngwenja Malangatana Valente (6 giugno 1936 – 5 gennaio 2011), uno dei più grandi rappresentanti dell’arte contemporanea del Mozambico.

La tela è stata realizzata e poi donata da Malangatana durante un suo soggiorno a Ferrara nel 2003, in un piccolo laboratorio allestito ad hoc in occasione del Festival dei Diritti che ospitò nella nostra città una delegazione proveniente dal Mozambico formata da esponenti della Croce Rossa Mozambicana, che assieme ad Arci Ferrara gestiva esperienze e progetti per la prevenzione sull’Aids e coordinava due centri culturali a Maputo e Beira. Famoso per i suoi murales Malangatana ha impresso sulla tela donata, figure ed animali tipiche della sua arte.

Pittore, cantante e poeta, mecenate e artista completo, Malangatana è stato un grande personaggio poliedrico e di rilievo nel panorama dell’arte africana; come pittore dal 1961, ha esposto in tutti i paesi del mondo, facendosi accostare più volte, per le caratteristiche della sua opera, a Picasso.

Malangatana è anche riconosciuto personaggio della vita socio-politica africana e fautore del processo di pace in Mozambico all’indomani dalla sua decolonizzazione.

La consegna dell’opera di Malangatana alla Camera del Lavoro, si pone all’interno della 15esima edizione del Festival dei Diritti di Ferrara.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi