Mar 27 Giu 2017 - 590 visite
Stampa

Migranti e lavoro, Confartigianato incontra il vescovo

Perego ha dato la propria disponibilità sul progetto di inclusione e accoglienza

Impresa, lavoro, famiglia, migranti. Questi i temi affrontati questa mattina (martedì 27), nell’incontro tra il nuovo arcivescovo di Ferrara-Comacchio, monsignor Gian Carlo Perego, e una delegazione della Confartigianato composta dal presidente provinciale, Guido Montanari, Paolo Cirelli (vice segretario generale), Riccardo Mantovani (responsabile dipartimento sindacale), Donatella Zuffoli (responsabile dipartimento credito) e Monica Grandi, maestra artigiana e autrice del Crocifisso in ceramica – pezzo unico – donato dall’associazione a Perego.

«Un colloquio proficuo», la sintesi di Cirelli. Si è partiti dalle recenti considerazioni di Papa Francesco sul ruolo dell’imprenditore «come figura fondamentale di ogni buona economia», ci si è concentrati sull’importanza della formazione e dell’educazione per il ricambio generazionale e si è giunti al progetto di accoglienza/inclusione lavorativa per i profughi lanciato nei giorni scorsi dalla Confartigianato e teso alla valorizzazione dell’individuo, «come è nella nostra vocazione associativa».

Nei giorni scorsi il segretario generale Giuseppe Vancini aveva avanzato la proposta di destinare una quota delle risorse del ‘pacchetto’ accoglienza all’orientamento e alla formazione professionale di chi arriva in Italia.

Progetto su cui il vescovo ha dato la disponibilità ad un approfondimento, portando sul tema la propria esperienza. «Parole – la chiosa di Cirelli – che fanno bene a noi e alla città».

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa