Lun 13 Mar 2017 - 181 visite
Stampa

A Ferrara Off il mistero nel mondo quotidiano dei racconti di Buzzati

Si conclude con “La boutique del mistero” l’approfondimento dedicato allo scrittore bellunese

di Federica Pezzoli

Quello di sabato 11 e di domenica 12 marzo è stato – almeno per ora – l’ultimo weekend dedicato dall’Associazione Ferrara Off a Dino Buzzati e alla sua opera. Tappa finale è stata “La boutique del mistero”, pièce ispirata all’antologia dei racconti dell’autore bellunese pubblicata nel 1968, diretta da Giulio Costa e interpretata da Woody Neri, Alice Conti, Maura Pettorruso e Stefano Detassis.

La sua presentazione nel capoluogo estense non è casuale: la produzione, infatti, è nata dalle precedenti collaborazioni fra gli interpreti e con il regista Giulia Costa, ma anche grazie alla collaborazione avviata da TrentoSpettacoli, compagnia under35 riconosciuta dal Ministero dei beni e delle attività culturali, con Ferrara Off che nell’agosto 2016 ha ospitato presso il proprio spazio performativo le prove degli attori e per l’allestimento.

“Cosa significa mistero?” Non può che essere questa all’apparenza innocente domanda a dare inizio alla rappresentazione. Un mistero che diventa perturbante e affascinante perché si rivela a partire da situazioni, oggetti e relazioni quotidiane, dischiudendo così la pluralità di significati e le diverse possibilità offerti dal reale. Ecco allora che due tavoloni di legno possono diventare la prua di un’imbarcazione, con un ventilatore a farle da motore, mentre se sul tavolo si impilano delle panche ecco comparire una montagna da scalare o da discendere.

“Non è un lavoro sul testo”, ha spiegato il regista Giulio Costa nel consueto incontro con il pubblico insieme agli attori, “anzi il tentativo è trasformare la parola scritta in azione scenica”. Tutti e cinque hanno lavorato su caratteri, situazioni, sensazioni, sistemi di relazioni e vettori di tensioni, e il risultato è un flusso, a volte unico, a volte disperso in mille rivoli, nel quale si deve stare sempre all’erta, ma dentro al quale non ci si perde mai completamente: i racconti prendono vita grazie alla voce e al corpo degli attori, in forma di mono­logo, dialogo, azione mimata, raccontata, reinventata, reinterpretata, a volte in modo allegorico, altre volte in modo estremamente concreto.

“Partendo da un’intervista a Buzzati, abbiamo cercato di raccontare una vita di scrittore attraverso i suoi racconti”, ha detto Maura Pettorusso. Ed ecco l’altro mistero: la creatività e il mondo immaginifico di uno scrittore, la sua mente affollata di storie e di persone. Le parole scritte o forse ancora da scrivere si materializzano davanti agli spettatori e i personaggi si rivolgono impazienti all’autore perchè lui li faccia agire, mentre quest’ultimo è in piena crisi di creatività e non riesce a trovare l’ispirazione giusta. Minimo comune denominatore e filo rosso attraverso questa sorta di collage di frammenti è il tempo, scandito secondo per secondo, quel ‘macinauomini’, come lo chiamava Buzzati, che segna il processo di crescita, formazione e declino di ogni essere umano.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa