Dom 9 Ott 2016 - 283 visite
Stampa

Riforma costituzionale, il “sì” di Bonaccini e Tagliani

Il presidente della Regione: "Incomprensibile che culture che hanno dato vita al Pd votino no"

IMG_1831di Mattia Vallieri

Velocizzare le scelte importanti dell’esecutivo e garantire una rappresentanza a Regioni e Comuni che oggi viaggiano senza un filo conduttore unico. Sono queste in estrema sintesi le ragioni del consenso alle modifiche costituzionali di Bonaccini e Tagliani e che i due raccontano all’appuntamento ‘Un’ora di riforma: gli enti locali’ organizzato dal comitato Riformar-sì.

“È incomprensibile come le culture che hanno dato vita al Pd possano votare no” accusa Bonaccini, convinto che “il bicameralismo come da noi non lo ha nessuno e oggi non ha ragione di esistere”. Secondo il governatore “la politica italiana viene vista da tutti come lenta e un’accelerazione come quella proposta dalla riforma costituzionale porterà benefici a enti locali, imprenditori, lavoratori e cittadini”.

Venendo al punto locale Bonaccini dichiara che “noi amministratori potremmo andare a Roma con più forza per poter essere ascoltati maggiormente”. Un tema che segue da vicino anche Tagliani: “I sindaci che verranno chiamati nel nuovo Senato non cambieranno gli equilibri, nonostante questo è importante avvicinare la politica dei territori con quella nazionale – sostiene il primo cittadino -. L’Anci attualmente fa fatica a rappresentare tutti i comuni italiani che hanno differenze sostanziali, sarà fondamentale quindi costruire un momento di coordinamento, proposte e verifica all’interno dei territori e non andare in ordine sparso”.

“Non sarà facile fare il sindaco e il senatore e la riforma ha l’obiettivo di dare tempistiche più veloci ai processi legislativi non di tutelare gli enti locali ma è importante il tentativo di avvicinare e rendere più concrete le difficoltà amministrative locali”, chiosa Tagliani.

Questione economia regionale. “Conforta vedere segni positivi dappertutto: abbiamo creato 46000 posti di lavoro, portato la disoccupazione al 7,5%, il turismo ha raggiunto livelli altissimi, non solo in città turistiche come Ferrara ma ad esempio anche nella zona del Delta, e abbiamo raggiunto il boom dell’export” afferma Bonaccini, analizzando il +1,1% del Pil previsto nel 2016 che fa dell’Emilia Romagna la prima regione d’Italia, sostenendo che “il merito va ricercato nel Patto per il Lavoro, che il capogruppo M5S considerò un fallimento, e nella velocità delle istituzioni, penso al caso della Philip Morris che ha costruito nel cuore dell’Emilia Romagna o alla Berluti qua a Ferrara”.

Tornando alla riforma costituzionale per Bonaccini “è un bene che alcuni temi come energia, infrastrutture e promozione del turismo tornino in capo allo Stato. Inoltre con la revisione all’articolo 116 verrà previsto che le regioni più virtuose possano chiedere più autonomia al governo e credo proprio che noi ci candideremo”.

“Il problema dell’eliminazione delle province, che avverrà se sarà il Sì a vincere, andrà affrontato perché sono enti che hanno ancora in capo funzioni molto importanti, ad esempio su scuola e strade” sottolinea Tagliani, concludendo che “bisogna accettare la sfida dell’area vasta mantenendo l’identità territoriale, pur in assenza di un carattere burocratico, politico e istituzionale. Diventerà importante il compito di dialogare e relazionarsi con le zone limitrofe”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa