Dom 24 Lug 2016 - 1000 visite
Stampa

Oltre 500 Vespe ronzanti a Ferrara

Successo per l’edizione estense del raduno nazionale: gli appassionati del marchio Piaggio arrivano da tutta Italia

di Silvia Franzoni

Una, dieci, cinquecento Vespe: ad invadere Piazza Ariostea per il dodicesimo Raduno nazionale delle Vespe storiche è stato un vero e proprio sciame ronzante. Alle 10.30 al vocio e all’allegria si sommava ancora lo scoppiettare dei motori in arrivo: “abbiamo raggiunto i 520 partecipanti e abbiamo già finito tutti i gadget, ma stanno arrivando ancora vespisti – ci raccontano gli organizzatori – hanno tardato un po’ a partire, colpa del tempo”.
Ferrara questa mattina, infatti, era avvolta da una coperta di nuvole e umidità e benché minacciasse di piovere, non è scesa neanche una goccia: così l’anello di piazza Ariostea ha potuto man mano riempirsi senza problemi di sorta. I Vespisti provengono un po’ da tutta Italia – presenti anche i rappresentanti di 4 Club belgi – e la spensierata somma degli accenti è rotta ritmicamente soltanto da qualche sonora risata. Tanti sono stati i passanti incuriositi, centinaia le foto scattate, molti i bambini: la manifestazione delle Vespe storiche è un appuntamento che riunisce un po’ tutti, dai più giovani ai più attempati, che sotto alla bandana si riconoscono davvero solo dalla presenza o meno delle Action Cam fissate sul casco.

Il Raduno funziona così: ogni vespista mette in mostra il proprio gioiellino – tutti coloratissimi, alcuni zeppi di adesivi, altri privi di ogni ornamento che non sia quello originale – poi passa ad ammirare quello parcheggiato a fianco, in un vicendevole scambio di apprezzamenti, suggerimenti, osservazioni, vere e proprie conversazioni. La disposizione non è predeterminata: il Club dei vespisti copparesi finisce vicino a quello di Venezia, quello toscano vicino agli amici di Mantova, e i confini regionali si azzerano nel giro di qualche metro grazie alla passione comune per lo storico marchio Piaggio. C’è spazio anche per i novellini: “questo è il nostro primo raduno – esclama una coppia – che emozione”.

Lo sciame però in Piazza Ariostea sosta solo qualche ora: la giornata prevede un rapido giro in città e un lungo aperi-pranzo all’agriturismo di Gambulaga ‘Ai due laghi del Verginese’. Così – dopo qualche ritardo dovuto ad un incidente che ha coinvolto in modo non serio una ragazza e la sua Vespa, richiedendo comunque l’intervento precauzionale dell’ambulanza – il ronzio dei motori si è spostato verso via Bacchelli, via Porta Catena e poi in direzione centro. L’iniziale tappa prevista in Piazza Trento Trieste, a causa dei lavori di restauro del campanile del Duomo che impediscono l’accesso ad una parte del Listone, non è stata rispettata: così, giunte nel cuore di Ferrara, le Vespe non hanno che salutato velocemente la città estense in direzione di via Bologna e da lì dritti verso il pranzo.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa