Sab 30 Gen 2016 - 208 visite
Stampa

Scampato alla Shoah, Cesare Finzi si racconta agli studenti

Incontro dello scrittore ferrarese con i ragazzi delle medie di Comacchio per il Giorno della Memoria

IMG_0402Comacchio. Una testimonianza toccante quella che ieri mattina, presso la sala Polivalente S. Pietro di Comacchio, Cesare Moisè Finzi, scrittore ferrarese scampato alla shoah, ha dato ai ragazzi delle scuole medie comacchiesi. Il “Giorno della memoria” nella città dei Trepponti era cominciato al parco della Resistenza, dove il sindaco Marco Fabbri, insieme all’assessore alla cultura Alice Carli avevo reso omaggio ai martiri della resistenza e in particolare, nell’anniversario del loro eccidio, a Giuseppe Ghirardelli, Giovanni Farinelli, Edagardo Fogli e Vittorio Bulgarelli. Il momento clou della giornata, però, è stato sicuramente quello vissuto a Palazzo Bellini.

Di fronte ad una nutrita platea di ragazzi, Cesare Finzi, ha, infatti, raccontato la sua esperienza di ragazzino catapultato nella guerra e diventato vittima delle leggi razziali. “Ero un bambino come tutti gli altri – ha raccontato – andavo scuola e mi piaceva giocare con gli amici, ma il 3 settembre 1938, una data che non dimenticherò mai, sono andato a comprare il giornale per mio padre e il titolo sulla pagina diceva ‘insegnanti e studenti ebrei esclusi dalle scuole governative e pareggiate’. Pensate ad un bambino di 8 anni che legge questa frase e si chiede perché non è degno di andare a scuola con tutti gli altri”. Nonostante tutte le difficoltà di quegli anni, Finzi è riuscito comunque a continuare gli studi. “Nel giugno del 1940 andai a fare l’esame per accedere alla scuola media – ha proseguito rivolgendosi agli studenti presenti – nella lista il mio nome e quello del mio amico Nello erano gli ultimi, perché neanche i nostri nomi potevano stare con quelli degli altri. Finimmo ovviamente in fondo alla classe, separati dagli altri ragazzi, ma la professoressa pensò bene di spostarci, affermando che tanto non avremmo contagiato nessuno con la nostra malattia”. “Pensate – ha spiegato commosso lo scrittore – una donna laureata, ma plagiata dalla propaganda, credeva veramente che avessimo la coda come gli animali. Per noi fu una vera umiliazione, ma se io sono ancora vivo e ho potuto continuare a studiare, per Nello fu tutto inutile, perché nel marzo del 1945, dopo essere stato consegnato ai nazisti, morì in un campo di concentramento”. Con l’entrata in guerra dell’Italia, la storia della famiglia Finzi diventa, purtroppo sempre più drammatica. “Con lo sbarco degli alleati, i fascisti si ritirarono nel nord Italia lasciando ai nazisti la possibilità di operare liberamente i rastrellamenti – ha raccontato ancora Finzi – Si era aperta la caccia all’ebreo e i miei parenti a Bolzano furono subito catturati e deportati. Di loro non seppi più nulla per 50 anni, ma poi scoprii che finirono uccisi ad Auschwitz.

La loro cattura ci convinse a scappare verso il sud Italia ed solo grazie all’aiuto di alcune famiglie del luogo e di un anonimo che ci fornì documenti falsi che siamo riusciti a scampare alla cattura”. “Quelle persone – ha concluso – erano donne e uomini veri e spero che voi ragazzi possiate diventare come loro quando sarete grandi”. La giornata commemorativa ha dato spazio anche agli allievi della scuola media “A. Zappata” di Comacchio che hanno messo in scena “Storia di Viola”, spettacolo teatrale incentrato sulle sorti e l’amicizia di due ragazzine, Viola, ebrea, e Donatella. “Il fatto di rendere protagonisti in ragazzi in rappresentazioni come queste è un approccio che ci piace – ha voluto sottolineare l’Assessore Alice Carli – occasioni come questa giornata servono a farci ricordare, perché ricordare significa conoscere e la conoscenza può aiutarci a non commettere mai più gli stessi errori”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa