Dom 17 Gen 2016 - 211 visite
Stampa

Due donne e il loro ultimo ballo

La piece del catalano Josep Maria Benet I Jornet: l’incontro di due solitudini e la scelta di smettere di danzare la vita

e97b69ee-0d12-4085-ae3b-d2128be619f7di Federica Pezzoli

Il 2016 al Teatro Comunale di Occhiobello inizia con una storia fin troppo comune nella nostra contemporaneità, ma proprio per questo inascoltata e inedita: “Due donne che ballano” di Josep Maria Benet I Jornet, un dramma minimo di tutti i giorni tra solitudine e fragilità.

Sulla scena ci sono due donne senza nome, nelle quali potremmo imbatterci fra gli scaffali del supermercato o salendo e scendendo dall’autobus, leggendo nel loro sguardo nient’altro che scontroso silenzio. Un’anziana alla quale non piacciono i vecchi, che vive più abbandonata che sola in un fatiscente appartamento, una specie di rifugio che la protegge fin da quand’era bambina, e una giovane insegnante che lavora qualche ora come domestica-badante. La vita matrigna le ha portate a rinchiudersi nel loro riccio, sempre pronte a pungere per paura che qualcuno possa prima ferire loro, una difesa che nasconde una purezza innocente e una grande fragilità.

La signora, rimasta vedova, ha un figlio che sente solo al telefono e una figlia che preferisce pagare qualcun altro per togliersi di torno il pensiero di doverla accudire. La giovane è a sua volta scontrosa, indisponente, nevrotica, non riesce a sopportare gli uomini. Prima si scontrano, si odiano; poi, fra timide aperture e dolorose chiusure, si incontrano e, nella loro disperazione, si svelano e si sostengono a vicenda. L’anziana confida alla giovane che “Nella mia vita non ho vissuto un solo giorno, ma nemmeno poche ore, in cui mi sia sentita al centro”; mentre l’altra confessa che non riesce a elaborare il lutto della morte del figlioletto di sei anni, ucciso accidentalmente dal padre perché si era intromesso durante un litigio fra lei e “quell’uomo”.

Questo rapporto di fiducia, di solidarietà, quasi di amore filiale, se non attenua la sfiducia nel mondo, nelle persone, nel domani, dà però loro la forza di compiere un passo definitivo, ma non tragico: entrambe si prenderanno una rivincita sulla tragedia della propria vita. “Sono contenta di averti conosciuto”: queste parole pronunciate ballando il loro ultimo ballo sanciscono infine il passaggio dalla solitudine all’incontro alla relazione.

Il testo di Benet I Jornet riesce in modo gentile, amaro e profondamente ironico, a raccontare un’intera società. Sul palco la regia di Veronica Cruciani e l’interpretazione profondamente umana delle bravissime Maria Paiato e Arianna Scommegna creano un microcosmo esistenziale nel quale c’è pietas non pietismo, comprensione non commiserazione, per far emergere infine quella parte di umanità che soffre la solitudine, il malessere di vivere, ma decide che è ora di smetterla con il frustrante inseguimento della felicità.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa