Gio 5 Nov 2015 - 4160 visite
Stampa

Negri: “Contro l’Isis servono testa e palle. Come Putin”

Il vescovo nell'intervista in uscita su Panorama critica anche Renzi: "Il suo governo ci porta dritto verso l’utero in affitto"

negriAppoggio a Vladimir Putin per l’intervento militare in Medio Oriente. No alle aperture del Sinodo riguardo la comunione ai divorziati. Ferma condanna al governo Renzi e alle sue politiche laiciste. Quando nelle edicole compare un’intervista a Luigi Negri non mancano mai le dichiarazioni forti e le prese di posizione sui temi più caldi dell’attualità, a cui il più delle volte fanno seguito infuocati dibattiti tra sostenitori e detrattori dell’arcivescovo di Ferrara e Comacchio. Ed è molto probabile che lo scontro si ripeta anche da domani mattina (giovedì 5 novembre), quando il nuovo numero di Panorama darà spazio alle riflessioni politiche e religiose del prelato milanese, definito dal settimanale come “il più ortodosso dei vescovi italiani” e noto anche per il suo ruolo in Comunione e Liberazione (di cui è membro del consiglio internazionale) e nel Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti.

Fino all’uscita dell’intervista integrale – è giusto specificare – sono disponibili solo alcune brevi dichiarazioni dell’arcivescovo. Riguardo ai conflitti in Medio Oriente e alla minaccia dell’Isis, Negri afferma che “bisognerebbe tentare di disarticolare il vertice dello Stato islamico con un’azione vigorosa e mirata, ma per promuoverla servono testa e palle. E l’unico con gli attributi, devo ammetterlo con profonda vergogna, è Vladimir Putin”.

Altra presa di posizione importante riguarda la parziale apertura del Sinodo ai divorziati per quanto riguarda il diritto di ricevere la comunione: una decisione che viene lasciata ai singoli parroci. Ma su questo fronte Negri è lapidario: “Il Sinodo è un organo consultivo, a Ferrara resta tutto come prima”. E riguardo alla politica italiana, il vescovo si mostra assai critico verso l’operato di Renzi: “Da vescovo constato che il suo governo ci porta dritto verso l’utero in affitto”. L’ultima dichiarazione in anteprima riguarda invece la vita privata di Negri: “Se non avessi scelto il sacerdozio – afferma il vescovo -, mi sarebbe piaciuto diventare generale dei carabinieri”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi