Ven 30 Ott 2015 - 822 visite
Stampa

Cessione Versalis, i sindacati chiedono garanzie al Governo

In attesa degli incontri in Regione Filctem, Femca e Uilcem chiedono all'esecutivo di far rispettare i piani industriali

unnamedC’è subbuglio tra i sindacati dei chimici – ferraresi e non solo – in merito alla possibile cessione della società Versalis da parte del gruppo Eni, che secondo la Femca – Cisl ha ormai “l’obiettivo di concentrarsi solo sulle attività di oil & gas”. Una ritirata dal comparto della chimica tradizionale che vedrebbe come prima ‘vittima’ proprio la Versalis, per la quale si moltiplicano le voci di una futura cessione o dell’ingresso di nuovi soci nella proprietà. Il tutto mentre in Regione proseguono gli incontri istituzionali per far luce sul futuro dei lavoratori coinvolti: venerdì (30 ottobre) si terrà un incontro tra le segreterie nazionali di Filctem, Uiltec , Femca e l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi, per comprendere quali siano le reali intenzioni di Eni sul futuro della chimica italiana, mentre il 3 novembre i sindacati di categoria di Ferrara incontreranno l’assessore regionale alle attività produttive, Palma Costi, e il 17 novembre Descalzi sarà in Regione per un nuovo confronto con l’amministrazione.

Una situazione in cui al momento sindacati e dipendenti dispongono di poche certezze e per questo si rivolgono alle istituzioni per chiedere garanzie sul futuro: la Femca invitando al rispetto del piano industriale presentato lo scorso giugno, che prevede 1,2 miliardi di investimenti nei siti Versalis, Filctem e Uilcem chiedendo lumi sui possibili nuovi partner di Eni e su come verrà modificato l’assetto societario di Versalis: “Se l’operazione riguarderà la costituzione di una joint venture – affermano i rappresentanti dei due sindacati – sarà decisivo comprendere con quale partner (soggetto industriale o fondo di investimento) e con quale percentuale di partecipazione, ovvero chi avrà il controllo della nuova società”.

La costante, nelle dichiarazioni dei sindacati, è la richiesta al Governo di maggiore partecipazione nella vicenda: “Data la rilevanza del comparto chimico sull’intero apparato produttivo nazionale – affermano Filctem e Uilcem -, sorprende il silenzio del Governo in merito, segnale preoccupante dell’assenza di una politica industriale consapevole e attenta ai bisogni sociali ed economici del Paese. Tutti gli Stati industrialmente avanzati, per la strategicità del settore, hanno almeno un gruppo del comparto chimico a partecipazione pubblica, sarebbe grave che noi lo cedessimo, magari ad una società straniera. La Regione Emilia Romagna, supportata dal contributo delle amministrazioni locali di Ferrara e Ravenna, appare l’unico soggetto istituzionale che provi a svolgere un ruolo mirato a ricercare politiche industriali, orientate a sostenere produzioni e filiere manifatturiere collegate”.

Uilcem e Filctem chiedono quindi al Goveno di intervenire affinchè Eni “presenti un piano industriale solido economicamente e credibile industrialmente, improntato a mantenere gli asset industriali esistenti, con investimenti capaci di generare un equilibrio dei costi nella petrolchimica, compeltare e realizzare rapidamente gli investimenti già promessi e sottoscritti da Versalis con i territori e i sindacati, realizzare joint venture con operatori significativi e internazionalizzati nelle poliolefine e salvaguardare il lavoro e l’occupazione del Paese”.

Dello stesso tenore anche l’appello della Femca, i cui rappresentanti si confermano “contrari ad una eventuale uscita di Eni dalla chimica, che se fosse confermata riterremo sbagliata e inopportuna: questo Piano non può e non deve essere messo in discussione, deve essere portato a termine ed implementato. Eni ha una rilevante presenza pubblica nel proprio azionariato e quindi una grande responsabilità nel presidiare gli assetti produttivi e di ricerca fondamentali per rafforzare il sistema industriale italiano”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi