Gio 14 Mag 2015 - 151 visite
Stampa

La Magiara: amore ed emancipazione nella Ferrara anni ’20

Presentato al Salone di Torino il primo romanzo del giovane scrittore Alessio Fabbri

la magiara

Una storia di violenza ed emancipazione, di famiglia e di amore. Il tutto nella cornice di una Ferrara anni ’20, dove il mondo dell’aristocrazia si trova sempre più a fare i conti con i moti e i malumori della società e la lotta per i diritti passa anche attraverso incontri clandestini e scontri armati. È in questo scenario che il giovane scrittore ravennate Alessio Fabbri, dopo l’esperienza come insegnante nelle scuole ferraresi, ha deciso di ambientare il suo primo romanzo ‘La Magiara’, in uscita a metà maggio e presente anche al Salone del Libro di Torino inaugurato oggi (14 maggio).

Il romanzo racconta la storia di Agnese Mallasz, una giovane e tormentata ragazza di Venezia. “Dopo aver perso la madre – spiegano i curatori -, ella viene a conoscenza dell’esistenza di una famiglia aristocratica a cui è legata, rappresentata dal suo fratellastro Luigi Alfonso Salisbeni che, volente o nolente, la invita a ricongiungersi al suo vero luogo d’appartenenza. Ad attenderla, con aspettative del tutto differenti, vi sono anche la gelida sorellastra Giuliana e la timida, ma inquieta nipote Sibilla, figlia di Luigi Alfonso”.

Alessio Fabbri

Alessio Fabbri

“Costretta – recita la presentazione del libro – da esigenze finanziarie e dalle dolorose conseguenze della fine di un amore illusorio, Agnese adotta Ferrara come sua nuova dimora e destinazione della sua fuga, ritrovandosi però combattuta fra necessità di sopravvivenza e desiderio di rivolta. Scoprendosi sempre più femminista e ribelle, esplora l’emancipazione della donna attraverso mezzi inconsueti ed ingiustificati come la violenza o le armi: unica risposta al disequilibrio delle sue emozioni è l’involontaria e casuale adozione dell’identità della Magiara, lato della personalità della ragazza che tende sempre più a creare scompiglio nella cerchia dei Salisbeni e nell’aristocrazia ferrarese degli anni ‘20. Circondata dai segreti che rendono i suoi nuovi parenti vittime e carnefici di loro stessi, ella intraprende un percorso di dolorosa passione, giungendo sull’orlo dell’abisso, in un viaggio apparentemente senza ritorno”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi