Sab 14 Mar 2015 - 1883 visite
Stampa

Attenzione al fantasma gender

In quello che è il mondo che frequento e nel quale ogni giorno cerco di capire perché nascono queste oscure paure o rompicapi, si aggirano da un tempo che politicamente potrei anche definire,oscuri fantasmi comandati da un fantasma principale che si chiama GENDER.

Questo fantasma si annida tra i fogli di libretti Unar mai distribuiti, pronto ad ogni soffio di vento a saltare fuori e invadere le scuole di ogni genere e grado, esce furtivo e come una liquida calamità si abbatte sugli ignari scolari scollandoli dal loro sesso di origine e ordinando loro di cambiare, di diventare incerti perché a causa del Gender nulla più è sicuro soprattutto in materia sessuale!

C’è una petizione del ProVita Onlus che ha raccolto 70.876 firme, rivolta alle istituzioni, che dice testualmente: “affinchè i nostri figli possano trovare nella scuola non ideologie destabilizzanti come l’ideologia gender, ma progetti corsi strategie educative che permettano uno sviluppo sano della loro personalità in armonia con la famiglia e con le istanze etiche, rispettosi di tutti ed in primis della natura umana.”

Questo è il link della petizione

http://www.citizengo.org/it/14837-una-sana-educazione-alla sessualità

Ok i genitori etero sessuali….preferiscono educare loro stessi i figli sul sesso!

E fin qui potrebbe andare bene!

Ma la contraddizione è annidata in una notizia ampiamente data da tutte le televisioni:

L’Italia è al quarto posto nell’uso dell’industria del porno”

quindi la domanda provocatoria è;

I genitori eterosessuali vogliono istruire i propri figli in materia sessuale per mantenere alta questa industria oppure ritenendosi eticamente corretti nei loro rapporti sessuali e quindi educare i figli in modo sano, in armonia con la famiglia e quant’altro… dobbiamo pensare che i fruitori della pornografia Italiana sono tutti della comunità LGBTQ…?(sfacciati e orripilanti contro natura!)

Il fantasma del gender è sempre in agguato!

Rita De Santis

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa