Ven 30 Gen 2015 - 602 visite
Stampa

Emergenza freddo, appello alla cittadinanza

Servono beni per l'accoglienza come sacchi a pelo, lenzuola e alimenti non deperibili

unnamedCoinvolgere la cittadinanza in uno sforzo di solidarietà in vista dell’emergenza freddo. È questa la finalità dell’appello lanciato dall’assessore Chiara Sapigni dalla sede del Csv (centro servizi volontariato). «Si vogliono invitare tutti i ferraresi a contribuire attivamente ad allargare la rete di solidarietà che già vede attive numerose associazioni sul territorio del Comune – spiega Chiara Sapigni -. Il piccolo contributo di ciascuno sarà moltiplicato e reso utile dai volontari e dagli enti che interverranno nella gestione e nella locazione dei generi di prima necessità, confidiamo molto nella generosità della cittadinanza».

In particolare sono richiesti beni per l’accoglienza come lenzuola, federe ed asciugamani, generi per l’igiene personale e la pulizia degli ambienti, ma anche alimenti non deperibili e dei sacchi a pelo, necessari per venire in soccorso di quanti passano le notti invernali all’addiaccio. Chi beneficerà di questa sorta di “colletta” volta a contrastare l’emergenza freddo delle ultime settimane, non saranno solo gli ospiti delle strutture gestite da Caritas e associazione Viale K, ma anche quei soggetti che sono normalmente sfuggono alle misure assistenziali messe in campo dagli enti che si adoperano per fornire sostegno e appoggio a quanti sono in difficoltà.

La raccolta dei beni avverrà in due punti, rispettivamente nelle sedi della Caritas diocesana, in via Brasavola 19, tutti i giorni dal lunedì al sabato; e in via Mambro 88 ed alla Rivana, dove a raccogliere i beni ci saranno i volontari dell’associazione Viale K. Al fine di rendere conto alla cittadinanza dell’entità di quanto verrà donato si è chiesto di identificare tutto con la dicitura “beni per l’emergenza freddo”. Le aspettative riposte dall’amministrazione comunale e dalle associazioni coinvolte sono alte, anche alla luce delle precedenti esperienze. Quando due anni fa la cittadinanza venne coinvolta in un’analoga esperienza di solidarietà la risposta fu infatti eccezionalmente positiva.

Raffaele Rinaldi, responsabile dell’associazione Viale K ha tenuto a far presente che da queste situazioni emergenziali, durante le quali viene erogato una sorta di “servizio”, molto spesso prendono il via dei percorsi di reinserimento sociale attraverso progetti di assistenza seguiti dalle stesse organizzazioni. Rinaldi ha tenuto particolarmente ad estendere l’appello dell’assessore oltre che ai beni materiali anche al tempo libero di quei cittadini che volessero impegnarsi in attività di volontariato presso le strutture coinvolte nell’iniziativa nella prospettiva di un’accoglienza che passa certamente dalle associazioni ma che coinvolga tutta la cittadinanza.

Michele Luciani di Caritas ha invece ricordato come da poco sia stato attivato un servizio di medico di base gratuito tramite l’associazione diocesana. Un’opportunità che va ad aggiungersi alla mensa attiva ormai da anni ed al dormitorio femminile che ha aperto i battenti un anno fa. Luciani ha sottolineato la difficoltà per le associazioni nel fornire supporto e aiuto a quei soggetti che per pudore o per altre motivazioni risultano “invisibili” alla burocrazia del sistema assistenziale:«In questi casi il contributo della comunità cittadina è fondamentale a noi associazioni per individuare ed aiutare chi è in difficoltà», un’attività ha ricordato Luciani, che non si esaurirà con la fine dell’emergenza freddo ma che ovviamente proseguirà durante tutto il corso dell’anno.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa