Lun 12 Apr 2010 - 442 visite
Stampa

Raddoppiano i senzatetto

‘Avvocato di strada’ denuncia un numero di pratiche due volte superiore al 2008

Sono ventimila i senza tetto in Italia. Di questi, nell’ultimo anno, sono stati 663 a rivolgersi ad “Avvocato di Strada”, associazione nazionale che dal luglio 2005 è presente anche a Ferrara, all’interno dell’Associazione Viale K di via Mambro.

L’associazione è composta da legali che assistono gratuitamente i senzatetto alle prese con problemi legali: la mission dichiarata è “garantire un apporto giuridico qualificato a quei cittadini oggettivamente privati dei loro diritti fondamentali”.

È strutturata attraverso sportelli – organizzati allo stesso modo di studi legali, in cui si turnano avvocati del territorio, oltre a volontari impegnati come segretari –, che sono stati istituiti in 19 città italiane: oltre a Ferrara, si contano Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Foggia, Jesi, Lecce, Macerata, Milano, Modena, Napoli, Padova, Pescara, Roma, Reggio Emilia, Rovigo, Taranto e Trieste.

Pochi giorni fa, Avvocato di Strada ha pubblicato l’ultimo rapporto sull’assistenza legale in Italia a favore delle persone senza dimora. I dati che riporta sono inquietanti. Nel 2008, registrava 268 casi in meno rispetto agli attuali: erano state tutelate 395 persone.

In altri termini, mentre nel 2008 erano state aperte 1518 pratiche in tutto il territorio nazionale, nel 2009 si è verificato un vistoso incremento delle istanze – dovuto a fattori diversi, il più rilevante la crisi, che ha creato nuove fasce deboli –, arrivando a contarne 2072. L’area amministrativa si conferma la più trattata (1054 pratiche, ossia il 51% del totale); a seguire si pongono invece le pratiche di diritto civile (812, il 39% del numero complessivo), mentre al terzo ed ultimo posto dei settori legali affrontati, si trovano le cause penali, che sono di molto inferiori: 206 pratiche, pari al 10% del totale.

Complice la crisi, sono sempre di più i “clochard” per necessità, costretti in mezzo a una strada a causa delle difficoltà economiche, per aver perso il lavoro o perché sfrattati. Anzi, sono raddoppiati. È questo ciò che emerge dal rapporto redatto dall’associazione, che fotografa tale raddoppio anche nel territorio ferrarese: ad oggi – nonostante il numero delle pratiche sia limitato, rispetto alle significative dimensioni di realtà come Bologna -, sono state registrate 10 pratiche nel 2009, contro le 5 dell’anno precedente. Il responsabile Raffaele Rinaldi spiega che di queste, “7 concernono il mancato pagamento di cartelle esattoriali e 3 sono relative a violazioni al codice della strada”. Le persone tutelate dall’associazione sono in maggioranza sono uomini e “nella nostra città, sono soprattutto ferraresi: il rapporto è sei a quattro” evidenzia l’avvocato Massimo Buja.

Il monitoraggio svolto da Avvocato di Strada mostra dunque una fotografia drammatica della realtà del nostro Paese, soprattutto quando queste persone sono genitori, e “vedono andare in pezzi la propria famiglia”: è ciò che sottolinea il presidente dell’Associazione nazionale, Antonio Mumolo, che aggiunge una considerazione: ritiene che la nuova norma relativa al reato di clandestinità produca “effetti inumani, come l’impossibilità di sposarsi o di registrare all’anagrafe i propri figli” e sostiene, infine, come “induca gli stranieri irregolari a non recarsi negli uffici pubblici nemmeno per curarsi o denunciare reati contro la propria persona”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa