Dom 29 Giu 2014 - 455 visite
Stampa

Le 3 S delle sagre

Gentile Direttore,

mentre il mondo dell’informazione della carta stampata ci racconta che all’improvviso (?) qualcuno si è accorto dello stato di abbandono manutentivo nel quale il Castello Estense è stato lasciato per anni ( Ma vè?), nessuno ci informa di cosa accade, nel settore delle Sagre e della Ospitalità, a pochi chilometri, nella Serenissima Repubblica di Venezia, con cui confiniamo da sempre, eppure questo è tempo di “sagre” in tutto il nostro territorio, come annunciano anche grandi manifesti stradali.

Salvo poi inventarsi delle finte “Guerre”  tra poveri, scatenate da qualche funzionario/sindacalista di qualche associazione di categoria, il quale crede così di potersi guadagnare il lauto stipendio, percepito a prescindere.

Quanto è già accaduto nel mondo infido delle sagre, sotto il vessillo di San Marco, provo a raccontarlo quì di seguito solo nella speranza che qualcuno sia in grado poi di copiare. Ammesso che ne abbia gli attributi.

“L’esigenza di trovare modalità intelligenti di cooperazione nel Mondo delle Sagre di Qualità,nasce dalla querelle che annualmente in estate,contrappone ASCOM e Confesercenti da un lato e le PRO LOCO VENETE organizzatrici di Sagre dall’altro.

A Giugno del 2010, [ 4 anni fa ] FIPE e UNPLI hanno firmato un “Protocollo d’Intesa NAZIONALE per CERTIFICARE le Sagre autentiche riconosciute come Patrimonio che va difeso e valorizzato, sia per la promozione stessa dei territori che per la sopravvivenza o riscoperta delle tradizioni gastronomiche, al fine così di tutelare un aspetto del Patrimonio Culturale Immateriale.

L’accordo ha l’obbiettivo di contrastare le “false sagre” organizzate per mero scopo di lucro da comitati e gruppi estemporanei.

Sulla scia di queste premesse, il Comitato Provinciale Delle pro loco di Padova ha costituito un gruppo di lavoro, che ha ricevuto mandato ufficiale dal Presidente Nazionale UNPLI e dal Comitato Regionale del Veneto, di sviluppare in ambito Padovano un progetto pilota di sagre di qualità secondo un modello concordato e condiviso dalle categorie economiche e trasferibile a livello regionale e nazionale.

Dal Giugno del 2013[ un anno fa], le Pro Loco aderenti al Comitato Provinciale di Padova, hanno l’obbiettivo di dotarsi di una Carta dei Valori delle 3 S= Sagre -Sicure-Sostenibili.

In quanto queste Sagre sono un Patrimonio riconosciuto dall’UNESCO che va difeso e valorizzato come tentativo di tutela del Patrimonio culturale immateriale.”

Mi rendo conto che tutto ciò accade all’estero, per cui nessuno ha interesse a portarlo a conoscenza dei sudditi del Ducato Estense,ma forse con qualche piccione viaggiatori,qualcuno che si dovrebbe occupare di Turismo,forse ne è stato reso edotto.

Agli altri provo ad informarli io con questo breve intervento, così che nessuno in futuro possa più fare “ammuina” facendo finta di non sapere.

Solo manifestazioni di qualità (anche per quello che riguarda le sagre),possono incrementare l’appeal di questo territorio.

Speriamo bene.

Arch. Lanfranco Viola

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi