Mer 25 Giu 2014 - 289 visite
Stampa

Drink a book, tutti i colori dell’arcobaleno all’Ibs

Venerdì primo appuntamento della rassegna con la performer Maura Chiulli

gay prideTorna con un ricco e variegato calendario l’ormai tradizionale appuntamento ferrarese di inizio estate con “Drink a book: notturni letterari a tematica gay, lesbica e transessuale”: cinque nuovi appuntamenti alle patrocinati dal Comune di Ferrara e organizzati da Circomassimo – Arcigay e Arcilesbica Ferrara in collaborazione con la libreria Ibs.

È l’amore il filo conduttore di quest’anno, declinato e raccontato nelle sue molteplici forme per approfondire, spiegare e dibattere alcuni dei molti aspetti che rientrano nello sfaccettato mondo Lgbt, perché Ferrara sia sempre più accogliente e inclusiva.

Dopo aver ospitato, fra gli altri, Vladimir Luxuria, Alessandro Cecchi Paone, Fabio Canino, Franco Grillini, Ivan Cotroneo e Matteo Bianchi, con una più che lusinghiera partecipazione di pubblico, la dodicesima edizione di Drink a Book punta ancora su un cast di autori importanti.

La rassegna prenderà il via venerdì 27 giugno con la performer Maura Chiulli e il suo romanzo “Dieci giorni” (Hacca Edizioni), Tre racconti, sei diversi protagonisti all’apparenza distanti tra loro, ma le cui vite si scoprono intimamente connesse. Il principio è quello di vivere e ricordare, a qualsiasi costo, anche se farlo ci costerà la vita, anche se andare fino in fondo comporta il ritrovarsi sporchi e nudi di fronte a se stessi. Ed è questo che fanno Luciano, Silvia, Mario, Sergio, Tommaso e gli altri personaggi del romanzo: si ammalano, piangono, prendono ormoni, non riescono a sentirsi né uomini né donne, bestemmiano e fuggono per amore, perché vittime e carnefici della stessa incapacità di prendersi cura di sé e degli altri.

Si proseguirà venerdì 4 luglio con Eduardo Savarese che presenterà “Le inutili vergogne”. Benedetto, Nunziatina, zia Gilda, padre Vittorio sono i personaggi forti della trama incalzante che li accerchia e li fa misurare con l’ossessione del sesso e del peccato, l’esaltazione dell’amore, i corpi di maschi, femmine e trans, la presenza incombente di dio. Savarese scandaglia e declina le diversità dell’amore raccontando vite che apparentemente hanno fallito perché hanno perduto l’amore. Ma la possibilità di redenzione rimane quando alla durezza della vita si oppone un cuore capace di ardere e sciogliersi.

L’ospite di venerdì 11 luglio sarà Cristiana Alicata con il libro “Ho dormito con te tutta la notte” (Hacca Edizioni). Il passato è un mosaico di affetti irrisolti, guerre, armistizi, traslochi e fughe e la ricerca del tempo perduto può essere, a volte, l’unico modo di ritrovarsi. Una famiglia arriva a sfaldarsi e in qualche modo misterioso a ricomporsi nel ricordo. I fantasmi dei vecchi amori ritornano e sono nuove persone, nuove avventure, nuova vita. Una storia di abbandoni e di ritrovamenti che ci entra dentro da subito, che ci avvolge con le parole e che ha il grande pregio di parlare di noi.

Penultimo appuntamento venerdì 18 luglio con Elvira Borriello e “Il rumore del suo silenzio” (Elmi’s World). Non esiste forza più grande dell’amore, ma quando veniamo lasciati ci rimane solo la debolezza di un cuore colmo di dolore. Niente sembra avere più senso e il tempo si ferma mentre intorno a noi tutto continua a muoversi senza interruzioni. L’unica cosa che ci rimane, per riprendere in mano la nostra vita, è affrontare il passato con la consapevolezza di volere un futuro.

A chiudere la colorata rassegna, venerdì 25 luglio, sarà Valter Catoni che presenterà il suo libro “L’inutilità della lettera Q” (Mondadori). Giorgio De Franchis è un uomo duro, deciso e pronto all’azione. Dopo un passato nei servizi segreti ha iniziato a collaborare come free lance con gli apparati di sicurezza dei Paesi a maggior rischio terroristico e non è tipo che ama lasciare gli incarichi a metà. Una sera, il suo grande amore Daniel Morel rimane gravemente ferito a Parigi dopo un’aggressione, e così Giorgio si precipita da lui. Nel seguire le tracce degli aggressori, però, si trova coinvolto in un intrigo legato al capolavoro di Claude Monet Impression, soleil levant, il quadro che ha dato origine all’Impressionismo e che è conservato al museo Marmottan di Parigi, di cui Daniel è direttore.

Tutte le presentazioni si svolgeranno come sempre alle 21.30 presso la libreria Ibs in piazza Trento e Trieste, sotto i portici che si affacciano sulla piazza più grande di Ferrara. A offrire il consueto cocktail di benvenuto nelle varie serate sarà quest’anno il pub Lobo Loco di via Borgo di sotto 7 a Ferrara, partner ufficiale della manifestazione.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi