Sab 17 Mag 2014 - 179 visite
Stampa

Siglato il Protocollo d’Intesa fra La Città Verde e Terra Ferma

Cooperativa sociale e associazione insieme per promuovere l’integrazione sociale

Sottoscrizione Protocollo d'intesaVigarano Mainarda. “Sembra ieri quando alcuni genitori di Vigarano hanno chiesto all’Amministrazione comunale che i soci con disabilità complesse della cooperativa  Terra Ferma potessero sperimentare  le abilità acquisite durante il lungo percorso formativo-professionale nella manutenzione del verde pubblico. La piccola azienda è cresciuta, ha costruito con altre cooperative il Consorzio Impronte Sociali, mettendo in rete e affinando metodologie e strumenti, nonchè la quotidiana progettualità condivisa che ha maturato la volontà di attuare con La Città Verde un Progetto di Fusione di cui il Protocollo d’Intesa è documento di realizzazione e consolidamento”. Così un genitore ha riassunto la presenza in Comune.

Il 15 maggio presso la Sala di Giunta, alla presenza del sindaco di Vigarano Barbara Paron, del dirigente Ferrante e del funzionario Cazziari, i presidenti della cooperativa sociale La Città Verde, Andrea Cacciari e dell’associazione di volontariato Terra Ferma, Malvina Zanella, hanno sottoscritto il citato Protocollo. In esso sono puntualizzati e specificati i principi, le norme di comportamento e gli strumenti comuni di azione a cui attenersi, come il Rapporto  con le famiglie di Persona con disabilità o disagio, Progetto Individuale, Metodologia e modalità di lavoro nel consolidamento del tradizionale settore della manutenzione del verde e nella sperimentazione di nuovi settori (diversi dal verde) e  attività operative.

Il sindaco di Mainarda  ha espresso sincero apprezzamento al Protocollo d’Intesa e vincolo d’onore a dargli la pubblicità indispensabile.

La sua disponibilità  diventa premessa e garanzia per nuove sfide nei luoghi dove operano La Città Verde e Terra Ferma, in primis la neonata Unione dei Comuni Alto Ferrarese: Vigarano, Mirabello, Sant’Agostino, Cento, Bondeno, Poggio Renatico. Questo progetto può altresì diventare modello ispirante una normativa regionale o comunque  buone prassi per le fasce deboli.

Va sottolineato come La Città Verde operi nelle province di Bologna e Ferrara sia sul piano produttivo sia nel lavoro sociale e riabilitativo, nel settore ambientale, nella cura del verde e dell’arredo urbano, sviluppando metodiche originali di progettazione socioeducativa e inserimento al lavoro, predisposti in stretta sintonia con i servizi pubblici. Essa occupa 95 dipendenti, di cui 31 appartenenti alle categorie svantaggiate; ospita inoltre 25 percorsi socio-riabilitativi con un impegno a inserire le persone in reti di solidarietà preziose.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa