Mer 19 Mar 2014 - 132 visite
Stampa

Ibo Italia per il “Ritorno a scuola”

L'associazione dona materiale attraverso il progetto dedicato ai Comuni colpiti dal sisma

donazione-scuole-cento_aula-informaticaCento. Lunedì 17 marzo presso le scuole dell’istituto comprensivo di Cento si è svolta la presentazione ufficiale del materiale che Ibo Italia ha donato in questi mesi attraverso il progetto “Ritorno a scuola” dedicato ai comuni dell’alto ferrarese colpiti dal sisma del maggio 2012. Parlare ancora di terremoto, ricostruzione e ritorno alla normalità a due anni di distanza sembra quasi inverosimile e di cattivo auspicio ma non è così se ad accogliere la delegazione di Ibo Italia, composta dal vicepresidente Alberto Osti e dal direttore Dino Montanari, sono i sorrisi dei bambini della 1A della primaria “Pascoli-Guercino” riuniti all’interno dell’aula di informatica, completamente arredata proprio grazie alla donazione.

A fare da padrone di casa, Anna Tassinari, dirigente scolastica dell’istituto comprensivo, Laura Riviello, insegnante della scuola primaria e Vanessa Rossetti, anch’essa insegnante e tramite fra Ibo Italia e la scuola per la concretizzazione della donazione del materiale. Donazione resa possibile dalla generosità dei tanti che nelle settimane seguenti al maggio 2012 risposero all’appello di Ibo Italia e frutto anche di un sapiente lavoro di individuazione delle bisogni e delle necessità post emergenza. Inoltre, indispensabile, per il trasporto e la sistemazione di librerie, scrivanie, sedie, mobili e quanto altro, è stato il lavoro gratuito della comunità scolastica formata non solo dal corpo docente ma anche dai ragazzi più grandi della medie e dai mariti delle insegnanti. Persone che proprio a causa del sisma si sono trovati nei mesi seguenti in cassa integrazione. Il materiale donato, oltre che per l’aula di informatica e per gli armadietti della primaria “Pascoli-Guercino” è servito per allestire interamente la nuova sala di lettura della secondaria “Guercino” e sempre nella stessa scuola, per luoghi comuni agli insegnati dove riporre il materiale didattico in uso. Presso la primaria “Carducci” invece, gli arredi hanno completato l’aula di musica, quella adibita al recupero e post-scuola oltre ad altri spazi d’uso comune.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi