Mer 17 Apr 2013 - 513 visite
Stampa

Vulandra nel segno di Marconi

Torna il festival degli aquiloni. Tra le novità la rievocazione dedicata all'inventore della radio

vulandra 3di Elisa Fornasini

Tutti pronti col naso all’insù. Gli occhi dei ferraresi e dei turisti sono pronti a scrutare il cielo per la trentaquattresima edizione di “Vulandra”, festival internazionale degli aquiloni che si svolgerà da giovedì 25 a domenica 28 aprile nel parco urbano Bassani. Un weekend lungo all’insegna del divertimento all’aria aperta, adatto a tutti e a misura di bicicletta.

Questi quattro giorni dedicati agli aquiloni, ma non solo, sono organizzati dal gruppo Aquilonisti Vulandra e Arci Ferrara, con la collaborazione del centro di promozione sociale “Il Quadrifoglio” di Pontelagoscuro e con il patrocinio di Comune, Provincia di Ferrara e regione Emilia Romagna.

“Siamo arrivati con successo alla 34esima edizione – annuncia Paolo Marcolini, presidente Arci Ferrara/Emilia Romagna – e modalità che vince non si cambia. Sarà, come sempre, un’edizione nutrita e interessante ma quest’anno ci sono anche varie novità”.

Una di queste è la mostra inaugurata il 13 aprile alla Porta degli Angeli di via Rampari di Belfiore. Dopo la fortunata mostra di scatti notturni di Franco Mammana del 2012, il complesso ospita quest’anno l’esposizione di strutture volanti “Aquiloni?”. “Il titolo è azzeccato – spiega Maurizio Cenci, presidente del gruppo aquilonisti Vulandra – perché io e Valter Gambelli abbiamo lavorato sulla struttura dell’aquilone stesso. Il risultato sono strutture insolite nella forma, leggere nell’architettura e lontane dall’archetipo dell’aquilone che noi tutti conosciamo. La mostra sta riscuotendo un grande successo e sarà in corso fino al 25 aprile”. Per chi fosse interessato a scoprire queste misteriose strutture volanti, l’esposizione è visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20.

vulandra1Ma questa non sarà l’unica iniziativa speciale di un’edizione particolarmente ricca di contenuti. Infatti la novità più eclatante sarà la ricostruzione di un evento storico per celebrare il compleanno di Guglielmo Marconi. L’idea del progetto è stata di Carlo Pavarani, aquilonista e radioamatore della sezione Ari di Fidenza, ed è proprio lui a spiegare l’iniziativa, realizzata grazie al contributo dei Radioamatori Ferraresi Ari Ferrara. “Vogliamo ripetere, nel più alto rispetto delle documentazioni storiche, il primo grande esperimento di trasmissione radio transoceanica, in cui Marconi si avvalse proprio di un aquilone per il sollevamento dell’antenna ricevente”.

L’aquilone verrà ricostruito secondo il modello originale ma con materiali moderni e alzato ad approssimativamente 120 metri per permettere di collegare il festival alle stazioni radioamatoriali di tutto il mondo. “La collaborazione con la fondazione Guglielmo Marconi è stata fondamentale per la realizzazione – continua Pavarani – che per l’occasione ci ha permesso di usare il nominativo temporaneo del circuito marconiano Iy4mkd”. La sigla, che sta per Italia evento marconiano regione Emilia Romagna giorno dell’aquilone di Marconi, viene assegnata solo per eventi straordinari. Per l’occasione sarà anche allestita una mostra di apparecchi radiantistici dell’epoca.

L’aquilone, quindi, non è solo un gioco ma nella storia ha avuto un ruolo artistico e scientifico. E anche internazionale, dato che ai tanti aquiloni creati dal gruppo Vulandra, non mancheranno le nuove creazioni degli ospiti aquilonisti dei paesi esteri quali Francia, Svizzera, Lussemburgo, Austria, Germania, Olanda, Inghilterra, Brasile, Singapore, Turchia e Colombia.

Le modalità del festival restano invariate: all’inaugurazione di giovedì 25 faranno seguito tre giorni di volo libero e dimostrativo, dalle 10 alle 19, al quale si aggiungono le attività collaterali come spettacoli di volo acrobatico, mostre di foto, corsi di livello avanzato per aquiloni acrobatici e laboratori giornalieri di costruzione per i più piccoli. I bambini potranno beneficiare anche della distribuzione di aquiloni donati dagli innumerevoli sponsor e del parco giochi gonfiabili dei Fratelli Bisi. Inoltre non mancheranno punti ristoro con piatti tipici ferraresi ed etnici preparati dalla cooperativa Camelot in collaborazione col centro policulturale Baobab di Migliarino.

Non verranno meno neanche le attenzioni in materia di impegno sociale e ambientale. “Come sempre un punto di riguardo del festival è l’ecocompatibilità – ricorda Andrea Vincenzi di Arci Ferrara – infatti al parco saranno presenti diversi punti di raccolta differenziata. Inoltre ci siamo come sempre impegnati nell’abbattimento di barriere architettoniche per permettere l’accessibilità a 360° anche ai portatori di handicap”. Per quanto riguarda la viabilità, domenica 28 via Bacchelli rimarrà chiusa al traffico dalle 10 alle 22 per permettere ai ferraresi e non di raggiungere il festival a piedi e in bicicletta.

L’intervento finale della presentazione del festival è riservato alle istituzioni. Davide Bellotti, assessore provinciale allo Sport e al Turismo, e Luciano Masieri, assessore comunale allo Sport sono concordi nell’affermare che “questa manifestazione permette ai cittadini di conoscere e di godere del parco urbano e dell’aria aperta… sempre con la testa tra le nuvole”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi