Dom 31 Mar 2013 - 26312 visite
Stampa

Aldrovandi, Giovanardi choc: “Non è sangue, è un cuscino”

Agghiacciante gaffe del senatore Pdl. Patrizia Moretti: "Lo coprirei di insulti"

adminQuella macchia rossa dietro la testa di Federico Aldrovandi non è sangue, è un cuscino. È la dichiarazione choc che Carlo Giovanardi rilascia a La Zanzara di Radio24. Intervistato da Cruciani sui recenti fatti di Ferrara legati alla polemica tra il sindacato di polizia del Coisp e la famiglia Aldrovandi, il senatore del Pdl gela gli ascoltatori parlando dell’immagine del diciottenne morto mostrata in piazza dalla madre, Patrizia Moretti.

Non è la prima volta che il parlamentare rilascia esternazioni agghiaccianti sul caso. Già nel luglio 2007 l’allora ministro per i Rapporti con il Parlamento in quota Udc, durante una trasmissione su Rai Tre, definì Federico “eroinomane”, parola mai uscita dalle carte delle consulenze e mai pronunciata nel corso dell’inchiesta.

E ora Giovanardi torna alla carica mostrando di non avere idea di cosa sta parlando. A cominciare dalla critica ai media che “parlano tutti di massacro”. Non è stato massacrato il ragazzo?, chiede il conduttore. E per tutta risposta il senatore abbozza un “No, ma avete letto la sentenza?”. Giovanardi sicuramente no, visto che all’inizio delle oltre 500 pagine di motivazioni scritte dal giudice Caruso il tribunale parla di 54 lesioni ognuna delle quali passibile di un processo penale a parte.

Ma il senatore riesce addirittura ad andare oltre e, parlando dell’immagine del ragazzo steso sul lettino della morgue, dichiara candidamente che “quella foto che ha fatto vedere la madre è una foto terribile, ma quella macchia rossa dietro è un cuscino. Gli avevano appoggiato la testa su un cuscino. Non è sangue, ma neanche la madre ha detto che è sangue e neanche lo può dire, perché non è così”.

Quanto alla condanna dei poliziotti, questa “va rispettata”, ma va altrettanto sottolineato che è stata inflitta per omicidio colposo. E fin qui nulla questo. I problemi sorgono dopo quando il rappresentante del Pdl spiega la sua concezione di omicidio di un ragazzo per strada: “Ho capito che una persona è morta, ma anche in un incidente stradale muoiono delle persone. Anche quando un medico opera e per imperizia sbaglia con il bisturi e cagiona la morte di un paziente”.

Tutto ciò per sostenere il pericolo di approvare “norme tipo quella sulla tortura che provocherebbe per il poliziotto che interviene l’ergastolo; immaginate che un vigile o un carabiniere interviene su chiamata per bloccare una persona e succede che durante una colluttazione questa persona ha un infarto, l’agente finisce all’ergastolo”. Giovanardi cerca per quanto possibile di entrare nel tecnico: “Al processo è passata la tesi che tenendolo fermo in una certa maniera può capitare come è capitato un collasso…”.

Insomma è stata un po’ colpa di Aldrovandi? Lo provoca Cruciani. “Era una persona in stato di alterazione psicomotoria determinata anche dall’assunzione di stupefacenti, situazione di alterazione segnalata da cittadini e purtroppo per lui in questo scontro così duro, essendo lui anche una persona robusta, è accaduto l’imprevedibile”. A onor del vero una situazione “imprevedibile” non viene punita da nessun ordinamento costituzionale. Ma torniamo a Giovanardi, che conclude il suo intervento sostenendo che “non deve passare il concetto” che chi incorre in una situazione tale deve essere cacciato dalla polizia.

Infine una veloce battuta sul siti in del sindacato: “Avevano chiesto l’autorizzazione”. È stato giusto? “Mi sembra secondario”.

Da Patrizia Moretti solo poche parole: “Lo coprirei di insulti. Adesso basta, querelerò anche lui”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi