Mar 12 Feb 2013 - 149 visite
Stampa

Mix di linguaggi per la legalità

Presentata da Arci e Libera la tre giorni di appuntamenti di "Mash-up"

Mash updi Anja Rossi

Saranno tre giorni fitti di appuntamenti all’insegna della legalità quelli di “Mash-up. Immagini, suoni e parole per la Legalità”, presentati dalle associazioni Arci e Libera Coordinamento di Ferrara.

Realizzati in collaborazione con Cigl ed il patrocinio della Provincia e del Comune di Ferrara, questa rassegna di eventi si inserisce nell’ambito del progetto regionale Gel – Giovani Esperienze per la Legalità – e ha lo scopo di considerare su più fronti la battaglia per la legalità con “un mix di linguaggi che ne parli in maniera più trasversale possibile attraverso un film, un libro ed un concerto”, come spiega Federico Rasetti di Arci Ferrara.

Si parte dunque mercoledì 13 febbraio presso il cinema Boldini dove, dalle 19.30 si potranno degustare i prodotti di “Libera Terra – Il sapore della legalità”, aperitivo per un consumo consapevole con vini biologici provenienti dai terreni confiscati alle organizzazioni mafiose (costo 4 euro). Alle 21 sarà proiettato gratuitamente “L’intervallo” di Leonardo Di Costanzo, presentato al Festival del cinema di Venezia l’autunno scorso e per la prima volta visibile a Ferrara. “Un film che vuole mettere luce non tanto su Napoli e sulla camorra, ma sulla mentalità camorristica stessa che ha come vittime i due ragazzi protagonisti”, spiega Donato La Muscatella, referente del Coordinamento Provinciale di Libera di Ferrara.

Venerdì 15 sarà invece dedicato ad alcune riflessioni sulla presenza dei lavoratori migranti in Italia “costretti spesso a lavorare a qualsiasi prezzo e visti il più delle volte come dei criminali”, sottolinea Sandro Arnofi di Cgil Ferrara. Alle ore 9, presso il centro sociale L’Acquedotto, Yvan Sagnet – il giovane studente camerunense che ha guidato il primo sciopero dei lavoratori stranieri nei campi di pomodoro in Puglia – interverrà alla conferenza della Cgil territoriale sull’immigrazione. Il secondo incontro che lo vede protagonista sarà alle 17.30 presso la libreria Ibs con la presentazione del suo libro sul controllo del lavoro nero “Ama il tuo sogno. Vita e rivolta nella terra dell’oro rosso”. Infine, sabato mattina dalle 8 alle 10, nell’aula magna dell’ istituto tecnico Bachelet, Yvan incontrerà i ragazzi per sensibilizzarli su questo importante tema.

La manifestazione si concluderà sabato alle 22.30 al circolo Renfe con il concerto di Piotta, da anni impegnato nel sociale sia come autore che come produttore e ora in tour con “Odio gli indifferenti” (ingresso 8 euro per i soci Arci).

Una rassegna che vuole dunque “tenere accesi i riflettori su questo tema dai molteplici profili e – come evidenzia Paolo Marcolini dell’Arci – lo fa da un punto di vista culturale, facendo parlare ogni volta i protagonisti con la loro testimonianza diretta”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi