Gio 26 Lug 2012 - 10603 visite
Stampa

Agente di polizia picchia biciclettaio

Il motivo dell'aggressione: le ruote ordinate erano in ritardo

Aggressione violenta all’interno del negozio di biciclette di via Ragno. È successo nel pomeriggio di mercoledì, attorno alle 18: un cliente, agente di polizia in servizio a Bologna, si è infuriato con il biciclettaio perché ancora non erano arrivate le ruote che aveva ordinato. Preso dalla rabbia avrebbe cercato di prendere con sé una bici “a risarcimento”del ritardo subito – aspettava delle ruote particolari, a scatto fisso, per andare su pista – e da questo gesto sarebbe nata la colluttazione con il gestore dell’esercizio commerciale: urla, spintoni, calci.

Quando il biciclettaio, Luca Balugani, avrebbe provato a fermare l’agente che voleva portarsi via la bici, questi avrebbe immediatamente risposto con un pugno in faccia. Niente di grave, ma la ferita al labbro c’è. Balugani quindi, impaurito da una simile reazione, avrebbe spinto l’agente fuori dal negozio e abbassato velocemente la serranda, per poi chiamare la polizia di Ferrara.

La volante arrivata sul posto ha dovuto innanzitutto farsi largo tra i curiosi, accorsi a vedere cosa ci facesse un uomo furioso, che continuava a sbraitare e imprecare, fuori dalla saracinesca chiusa del biciclettaio. All’interno nel frattempo aspettavano, oltre al titolare dell’attività, anche altri tre clienti, rimasti bloccati. Gli uomini della polizia di Ferrara sono riusciti a calmare in collega, e a “liberare” così il biciclettaio e le persone rimaste chiuse assieme a lui dentro la rivendita. Ad un primo accertamento pare che l’aggressione abbia seriamente compromesso la merce dentro al negozio, la stima sommaria del proprietario si aggira attorno ai 2mila euro di danni. Resta da chiarire cosa succederà ora a livello legale, pare che l’agente – dopo essersi tranquillizzato – abbia avvicinato Balugani per trovare una soluzione assieme.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa