Mar 9 Feb 2010 - 204 visite
Stampa

Serata dedicata al pioniere del cinema ferrarese

Nel 1912 primo successo per Antonio Sturla con la “Comica finale”

Una serata dedicata a uno dei padri del cinema di marca ferrarese, Antonio Sturla: domani, alle 21, il Comune di Ferrara renderà omaggio al regista scomparso nel ’68 con un evento, a ingresso gratuito, alla sala Boldini.
L’appuntamento sarà aperto dalla presentazione del volume di Paolo Micalizzi dal titolo “Antonio Sturla: pioniere del cinema ferrarese” (Este Edition, 2008) che offrirà lo spunto per approfondire il ruolo che il regista ebbe nel panorama del cinema ferrarese e italiano. Oltre all’autore, interverranno al dibattito il vice sindaco Massimo Maisto, l’editore Riccardo Roversi, e il documentarista Paolo Sturla, figlio di Antonio e presente alla serata assieme ai fratelli.
L’iniziativa proseguirà con la proiezione di alcuni documentari di cui Antonio Sturla è stato direttore della fotografia: “Ferrara, epica e cortese” (1926) di Ugo Vasé e Antonio Sturla, dedicato alle bellezze artistiche di Ferrara, e “Amanti senza fortuna” (1949), che segna l’esordio nel cinema di Florestano Vancini, assieme ad Adolfo Baruffi, e rievoca la tragica storia di Ugo D’Este e Parisina Malatesta.
Di Vancini sono ancora “Tre canne un soldo” (1954), incentrato sulle figure dei tagliatori di canne alle foci del Po, e “Via Romea” (1958), che ripercorre la storia di quest’arteria, allora in fase di completamento. In programma anche “Il postino di montagna” (1951) di Adolfo Baruffi, con il commento parlato dello scrittore Dino Buzzati e ambientato nel paese ladino di Colle Santa Lucia.

La ricostruzione storica curata da Paolo Micalizzi prende le mosse dal 1912, anno del primo grande successo di Sturla con la “Comica finale”. Dello stesso anno è anche “Il baratro”, primo lungometraggio di produzione ferrarese. In seguito Sturla fu testimone di avvenimenti durante la prima e seconda guerra mondiale, svolse attività di cinereporter in giro per il mondo per l’Istituto Luce e per altri cinegiornali, seguendo anche importanti vicende ferraresi, soprattutto tra gli anni ’20 e ’40.
Antonio Sturla è stato poi operatore di una sessantina di documentari che portano la firma di alcuni dei più grandi registi del cinema italiano, ed è stato direttore della fotografia di due lungometraggi.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi