Ven 9 Mar 2012 - 998 visite
Stampa

“Vogliono vendere il parco urbano”

Siamo il comitato “Parco a Pezzi” – formato da studenti, esperti e professori dell’ateneo ferrarese – nato in seguito alla scoperta di informazioni relative ad un progetto per vendere ed edificare il parco pubblico urbano “G. Bassani” nella città di Ferrara.

Informati  tramite personale dell’Università stessa, poiché alcuni docenti  sono stati contattati per una perizia su un progetto di vendita e successiva edificazione di una ampia porzione dell’attuale parco pubblico urbano “G. Bassani”, ci siamo rapidamente costituiti come comitato cittadino.

Tramite le informazioni  trapelate abbiamo saputo che il Comune di Ferrara è favorevole alla vendita del suolo pubblico all’intero del parco. Non ci è invece chiaro il nome della Società interessata all’acquisizione dell’area, anche se sappiamo per certo che  il progetto  avrà dei  tempi di realizzazione previsti entro i prossimi cinque anni e che riguarderà la costruzione di un  “ecomostro” a grande impatto ambientale, cosa che, come dice la parola stessa, andrà a modificare l’intero ecosistema del parco.

E’ stato già attivato un blog di riferimento (http://parcoapezzibassani.wordpress.com) ed una pagina facebook  rintracciabile cercando “Parco A Pezzi”;  oggi ci sarà un sit- in che si svolgerà in Piazza Trento-Trieste, dalle ore 11 alle ore 13 per entrare in contatto diretto con la cittadinanza, coinvolgerla e sensibilizzare l’opinione pubblica ad oggi ignara della trasformazione urbana che potrà avvenire.

E’ prevista per venerdì 9 marzo un’assemblea pubblica che si svolgerà presso la Facoltà di Architettura di Ferrara in aula D3 alle ore 14:30, per discutere del progetto di vendita e di edificazione del parco urbano.

Auspichiamo un vostro contributo alla diffusione di questa notizia,

cordiali saluti,

Comitato Parco a Pezzi

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa