Gio 2 Feb 2012 - 1687 visite
Stampa

Ferrara come la neve, resta “sospesa”

Chiuse le scuole, i musei, i centri diurni di assistenza per gli anziani

Disagi anche in città a causa dell’intensa nevicata di mercoledì. Le scuole del Comune di Ferrara – i nidi, le scuole d’infanzia, le primarie, le secondarie di primo grado e quelle di secondo grado – sospenderanno le loro attività sia giovedì 2 che venerdì 3 febbraio.

Anche i centri diurni socio-assistenziali, riferimento per gli anziani e i disabili, saranno chiusi nelle stesse giornate, per motivi cautelativi di ordine pubblico e sicurezza. Il consueto spostamento di mezzi richiesto da queste attività è ovviamente reso difficoltoso dalle condizioni delle strade, e il servizio edilizia e manutenzione comunale ha fatto sapere che – per quanto siano stati predisposti interventi specifici – le condizioni metereologiche sono tali da non poter assicurare sui rischi  derivanti dallo stato della viabilità.

I provvedimenti sono stati firmati dal sindaco Tiziano Tagliani, che ha inoltre disposto la chiusura del musei comunali e del museo della cattedrale per la giornata di giovedì, in attesa di sapere come evolverà la difficile situazione meteorologica. Le previsioni non lasciano ben sperare, sembra che il momento di massimo difficoltà arriverà a cavallo del weekend, tra venerdì e domenica.

“Il problema – ha confermato firmando il primo cittadino – non è tanto la viabilità, quanto piuttosto il ghiaccio, se la temperatura dovesse scendere a meno 10 gradi”. La cittadinanza è quindi invitata, quando non indispensabile, a evitare di spostarsi in macchina. Gli autobus urbani ed extraurbani saranno comunque a disposizione. Ami infatti ha garantito il servizio di trasporto pubblico. Le corse saranno regolari salvo problemi non preventivabili determinati dalla situazione delle strade.

Tagliani ha anche ricordato che “è obbligo dei proprietari delle abitazioni pulire i marciapiedi che le fronteggiano, e delle amministrazioni condominiali in caso di condomini”. Il rischio più grosso non è tanto la sanzione della polizia municipale (15 euro), quanto il fatto che, se qualcuno cadendo si facesse male, il proprietario sarebbe considerato responsabile. Continuano a lavorare, nel frattempo, gli spargisale e i mezzi dotati di lame.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi