Mer 29 Giu 2011 - 529 visite
Stampa

Fuggono abbandonando auto e bottino

Dopo un furto al centro commerciale vengono inseguiti dalla Polizia

Sono riusciti a sfuggire alla cattura dopo aver rubato merce per circa 600 euro all’interno del centro commerciale “Il Castello”, ma hanno dovuto abbandonare sia il ‘bottino’ che l’auto con la quale stavano facendo perdere le tracce. Il fatto è accaduto ieri attorno alle ore 14. Due giovani donne, una della quali in stato interessante, sono state notate da una commessa del negozio Este Sport della galleria del centro commerciale per il loro modo sospetto di aggirarsi fra gli scaffali. All’uscita dal negozio, infatti, è scattato l’allarme antitaccheggio. Una delle due si è data a precipitosa fuga assiema alla borsa che portava con sé, che si è scoperto poi essere foderata all’interno di carta stagnola per eludere i sistemi d’allarme.

La donna incinta è stata invece vista nel parcheggio del centro commerciale mentre parlava con un giovane a bordo di una Lancia Y di colore bianco. All’arrivo della guardia giurata la donna e l’auto si sono separati ed è stato quindi chiamato il 113. Una Volante della Polizia si trovava in zona ed è arrivata quasi immediatamente sul posto, mettendosi poi alla ricerca della vettura. La Lancia Y è stata intercettata nei pressi del distributore Agip di via Bologna ed è scattato l’inseguimento. I poliziotti sono riusciti ad affiancarla e bloccarla in viale Krasnodar, scoprendo che oltre al conducente a bordo si trovava un altro ragazzo, dal lato passeggero, che si era mantenuto nascosto fino a quando la vettura non è stata fermata. A quel punto ha aperto la portiera, seguito a ruota dal giovane conducente, dandosi a precipitosa fuga a piedi e dileguandosi.

A bordo del mezzo, che è stato sequestrato e che risulta intestato a una giovane sudamericana dell’Ecuador (le due autrici del furto avevano infatti un accento sudamericano), è stata ritrovata la borsa con i 600 euro di merce, oltre a una playstation ancora perfettamente imballata,  una macchina fotografica nuova, un cacciavite e una forbice a punte ricurve utilizzata probabilmente per tagliare le fascette degli imballaggi dei prodotti sugli scaffali. Playstation e macchina fotografica sono probabilmente frutto di un furto compiuto all’interno dello stesso centro commerciale, ma se ne dovrà accertare con esattezza la provenienza.

Quasi certamente si tratta di quattro giovani, due donne e due uomini, che sono soliti agire insieme e che si sono specializzati nei furti in centri commerciali e negozi. Alcuni elementi all’interno della Lancia Y sequestrata fanno ritenere gli uomini della Polizia di poter arrivare presto alla loro identità. L’indagine è ora affidata alla Squadra Mobile.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa