Mar 24 Gen 2023 - 2132 visite
Stampa

“Negozi che chiudono, il Corso ridotto allo squallore”

Egregio Direttore,

la chiusura al 21 di questo mese del negozio “Brown” in Corso Martiri è l’ultima annunciata e renderà ancora di più desolato il Corso, al mercoledì, quando il Leon d’Oro è chiuso, è un mortorio.

Una visione avvilente, il corso principale di Ferrara, il salotto, buono come lo chiamano dalle parti dello Scalone, ridotto allo squallore.

Io aggiungo, anche se non ha il cartello nella vetrina, un altra chiusura, l’erboristeria di Via Garibaldi che vendeva anche prodotti di bellezza e la bella e buona linea dell’Erbolario.

La titolare e la fedele commessa hanno raggiunta l’età della pensione, così chiusura, per ora senza notizia di riapertura.

Peccato, da tanti anni era un luogo di buoni prodotti, di gentilezza, di professionalità.

Gli effetti del virus sono stati micidiali: la mancanza di clienti e quindi l’impossibilità di pagare l’affitto hanno prodotto chiusure di negozi e botteghe.

Io ho un piccolo negozio e dal marzo del 2020 prendo metà affitto.

Ho deciso di fare questo sacrificio per non vedere il negozio chiuso.

Mi sento una benefattrice non solo nei confronti dell’affittuario anche nei confronti di Ferrara, ho evitato la chiusura di un negozio!

L’amministrazione ha dato contributi a tanti, ma non ha pensato ai proprietari di botteghe e negozi proponendo la diminuire dell’IMU in cambio di diminuzione degli affitti.

Poteva essere un tentativo per evitare chiusure, non l’ha fatto, non ha capito a fondo la situazione e corsa dietro alle distese!

Fino al 2019 le manifestazioni delle “fiere” sul Listone non creavano problemi.

Ma dopo, l’amministrazione non ha capito che, per esempio, se io comperavo il formaggio sulla bancarella e non nel negozi e questo subiva un danno.

Per le merci non alimentari intanto era subentrata la concorrenza degli acquisti online.

Ma l’amministrazione si vantava per le “fiere” sul Listone, sintomo di vitalità.

La crisi del commercio in città e non solo in centro sembra non avere soluzioni positive.

Il risultato di tante criticità come: virus non ancora debellato, aumento dei costi energetici, caro affitti, concorrenza sleale, è che le chiusure continuano.

Un saluto

Pasquina Ferrari

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa