Attualità
10 Luglio 2024
La protesta dei genitori del Consiglio d'istituto dello scientifico sull'assegnazione degli ambienti scolastici per l’anno scolastico 24/25 comunicata dalla Provincia di Ferrara

Roiti, con il ‘piano spazi’ classi senza aule e liceo senza fondi Pnrr

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Giuliana Fabbri nuova direttrice sanitaria dell’Ausl di Ferrara

Giuliana Fabbri è stata nominata direttrice sanitaria dell’Azienda Usl di Ferrara in sostituzione di Emanuele Ciotti che dal primo agosto prenderà servizio come direttore sanitario della Città della Salute di Torino. La dottoressa Fabbri manterrà ad interim il ruolo di subcommissaria sanitaria dell’Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara

Sanità. Fondazione Gimbe: “Emilia Romagna la migliore in Italia”

Quando si tratta di offrire ai cittadini le prestazioni sanitarie essenziali, siano esse gratuite o prevedano il pagamento di un ticket, l’Emilia-Romagna è la migliore regione d’Italia. Si conferma infatti prima seguita da Veneto, Toscana, Lombardia e Provincia Autonoma di Trento

Per unire il centrosinistra serve una “fase costituente”

Recentemente Luciano Marangoni, per conto di Campo Democratico, si è espresso su Estense.com in merito alle posizioni del Forum Ferrara Partecipata sulle azioni per aggregare le forze di centrosinistra. Di seguito il contributo al dialogo del Forum

In qualità di rappresentanti dei genitori del Consiglio d’istituto del Liceo scientifico A. Roiti, apprendiamo con sconcerto e preoccupazione la decisione circa l’assegnazione degli ambienti scolastici per l’anno scolastico 24/25 comunicata il 20 giugno u.s. dalla Provincia di Ferrara, senza alcuna preventiva concertazione con i rappresentanti del Liceo medesimo e, per quanto di nostra conoscenza, con l’assoluta mancanza di atti preparatori finalizzati a esplorare le problematiche di tipo organizzativo, di vigilanza, ecc. che inevitabilmente emergeranno a seguito della convivenza di tre Istituti diversi, anche al fine di valutarne preventivamente la fattibilità.

La scelta della Provincia di sottrarre alla disponibilità del Liceo 9 aule (che diverranno 10 a partire da gennaio 2025) e un laboratorio presso la sede di via Azzo Novello, ha come conseguenze:
– togliere al gruppo più numeroso ospitato all’interno dell’edificio gli accessi da via Azzo Novello obbligandolo ad un unico accesso dal seminterrato, probabilmente non adeguatamente dimensionato per accogliere un così grande numero di persone (studenti, personale ed esterni) sia in situazioni ordinarie, sia in situazioni straordinarie, sia in situazioni di emergenza;
– vanificare la possibilità di accedere ai fondi PNRR in quanto il laboratorio linguistico sottratto è stato innovato grazie al piano scuola 4.0;
– l’obbligo di svolgere le attività didattiche in ambienti contigui alle zone cantiere presso la sede di viale Leopardi (6 aule, comunque, insufficienti per coprire il fabbisogno).

Gli studenti del Liceo Roiti ormai da tre anni devono convivere con un cantiere che rende complesso seguire le lezioni a causa dei rumori, delle polveri e degli odori durante l’orario scolastico. Apprendiamo che non verrà più applicato lo schema di separazione tra aree di cantiere e ambienti didattici adottato in questi ultimi anni ma, con il nuovo sistema di separazione, gli spazi verranno suddivisi con pareti di cartongesso provvisorie costruite all’occorrenza con necessità di utilizzo delle rampe di accesso ad un’altra ala dell’istituto, probabilmente non adeguatamente dimensionata per accogliere un così grande numero di studenti. Si rileva, infatti, che il nuovo piano dei lavori riduce drasticamente la distanza tra gli ambienti interessati dai lavori e quelli utilizzati per le attività didattiche: si passerà da una distanza di circa 20 m. ad alcuni centimetri. Tale situazione esaspererà difficoltà già presenti negli anni scolastici precedenti.

Lascia ulteriormente sgomenti la prospettiva in quanto a causa dei lavori di ristruttuarazione che interessano l’edifcio di Viale Leopardi, gli studenti non potranno utilizzare tre laboratori e la palestra. Sinceramente non comprendiamo con quali elementi la Provincia di Ferrara abbia effettuato questa pianificazione e come non abbia tenuto conto del fatto che da due anni il Liceo fa fronte alla mancanza di spazi facendo ruotare 4 classi nei laboratori al fine di non gravare sull’Ente preposto richiedendo ulteriori spazi.

In conclusione l’attuazione del cosiddetto “piano di utilizzo degli spazi per l’anno scolastico 24/25” determinerà che 7 classi si troveranno senza aule e che il Liceo non potrà accedere ai fondi PNRR, anzi probabilmente sarà costretto a restituire l’acconto ricevuto. Auspichiamo pertanto l’individuzione di una soluzione diversa da quella proposta.

I genitori membri del Consiglio d’Istituto del Liceo scientifico Roiti e per essi la presidente Barbara Angelini

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com