Economia e Lavoro
22 Giugno 2024
L'associazione è contraria all’obbligo di assicurare tutte le macchine agricole anche se non circolanti su strada inserito nel “Decreto Agricoltura”

Assicurazioni sui mezzi agricoli: accolte le modifiche di Cia-Agricoltori Italiani

di Redazione | 2 min

Leggi anche

L’Emilia-Romagna è la Regione che cresce di più in Italia

Dal 2014 a oggi l’Emilia-Romagna è la Regione che cresce di più in Italia. Sia dal punto di vista economico, sia da quello sociale, registrando dati che la collocano sopra la media nazionale e ai livelli delle regioni europee più avanzate

Trasporti. Sciopero nazionale per giovedì 18 luglio

Le segreterie territoriali di Bologna e Ferrara delle organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil-Uilt, Faisa-Cisal, Ugl-Fna hanno comunicato l’adesione allo sciopero nazionale di quattro ore di tutte le lavoratrici e lavoratori dipendenti delle imprese cui si applica il Ccnl Autoferrotranvieri Internavigatori (Mobilità Tpl) proclamato dalle segreterie nazionali degli stessi sindacati per giovedì 18 luglio

Emilia Romagna, Veneto e Friuli unite contro la mucillagine

Di fronte alla presenza di mucillagini a largo della costa, la Regione Emilia-Romagna, d’accordo con Veneto e Friuli Venezia-Giulia, ha deciso di inviare nei prossimi giorni al Ministero dell’Agricoltura una serie di proposte per il settore della pesca

Una nuova economia per “il Po e i suoi comuni”

Inquadramento delle attività produttive attuali, proiezione su quelle future alla luce degli sviluppi geopolitici globali e dei mutamenti climatici che interessano e influenzano le diverse e composite realtà territoriali con un’analisi mirata sulle aree comunali di potenziale sviluppo nell’esteso bacino del Grande Fiume

Cia-Agricoltori Italiani Ferrara ha accolto con soddisfazione l’inserimento nel pacchetto di emendamenti del “Decreto Legge Agricoltura” della proroga in materia di assicurazioni dei mezzi agricoli “non circolanti”.

Se l’emendamento venisse confermato in fase di conversione in Legge, verrebbe spostato dal 30 giugno al 31 dicembre l’obbligo di assicurare per la responsabilità civile verso terzi tutti i mezzi agricoli, anche quelli non circolanti su strada o su aree a queste equiparate. Si tratta di un primo passo, davvero importante, che l’associazione auspica venga confermato durante l’iter legislativo, come spiega il presidente di Cia Ferrara, Stefano Calderoni.

“Non è ancora il momento di cantar vittoria, ma l’inserimento nel pacchetto degli emendamenti della nostra istanza che punta alla massima tutela delle aziende agricole è sicuramente un segnale molto positivo. Se la proroga venisse confermata sarebbero sei mesi in più che ci consentirebbero di negoziare a tutti i livelli per chiedere al Governo di tornare sui propri passi. Naturalmente le assicurazioni per la responsabilità civile verso i terzi sono strumenti di legge essenziali per tutti i mezzi circolanti su strada, ma riteniamo siano davvero superflue per macchine e trattori fermi nei capannoni o nelle rimesse e non utilizzati”.

“Visto l’aumento generalizzato dei costi di produzione – continua il presidente di Cia Ferrara – per le aziende, compresi quelli energetici che non sono comunque tornati ai livelli precedenti al 2022, riteniamo che questo obbligo sia solo un ulteriore balzello che non contribuirà certamente a tutelare la sicurezza dei mezzi e delle persone, visto che una macchina agricola ferma non può creare danni. Ovviamente serve la massima cautela perché siamo ancora in una fase di negoziazione, ma auspichiamo che questo e altri emendamenti – già depositati da Cia Nazionale e ammessi – vengano valutati dalla IX Commissione permanente del Senato già la prossima settimana per dare un po’ di certezze alle aziende agricole che sono nel pieno delle campagne di raccolta delle principali colture cerealicole e frutticole”.

“Sicuramente – conclude Calderoni – non arretreremo di un passo perché il “Decreto Agricoltura” deve andare nella direzione giusta, quella del massimo sostegno al lavoro e ai redditi delle aziende agricole e alla valorizzazione della nostra agricoltura”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com