Cronaca
21 Giugno 2024
I casi accertati sono attualmente almeno quattro, ma potrebbero essere di più. Il giovane ha vuotato il sacco davanti agli inquirenti e ai video che lo ritraevano in atteggiamenti morbosi nei confronti dei piccoli alunni

Abusi all’asilo. Lo stagista arrestato confessa le violenze

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Giuliana Fabbri nuova direttrice sanitaria dell’Ausl di Ferrara

Giuliana Fabbri è stata nominata direttrice sanitaria dell’Azienda Usl di Ferrara in sostituzione di Emanuele Ciotti che dal primo agosto prenderà servizio come direttore sanitario della Città della Salute di Torino. La dottoressa Fabbri manterrà ad interim il ruolo di subcommissaria sanitaria dell’Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara

‘Bomba d’acqua’ e vento forte: rami e alberi abbattuti in provincia

Una violenta 'bomba d'acqua' con raffiche di vento si abbattuta sul Ferrarese attorno alle 13.30 provocando numerosi danni e disagi soprattutto alla viabilità, dato che in alcuni casi si è verificata la caduta di alberi e rami sulle strade rendendo impossibile il transito dei veicoli

Granchio blu, nuovo stanziamento da un milione per sostenere lo smaltimento

Non tutti gli esemplari di granchio blu raccolti in questi mesi, durante l’emergenza che sta mettendo a durissima prova il settore della pesca e dell’acquacoltura nell’Alto Ferrarese, possono essere destinati alla commercializzazione. Una parte, infatti, non è adatta e va smaltita. Per sostenere quest’attività, la Regione ha approvato un nuovo bando da un milione di euro

Arrestato in flagranza dai carabinieri lo scorso gennaio con l’accusa di violenza sessuale e detenzione e accesso a materiale pedopornografico, lo stagista 21enne che svolgeva servizio civile in un asilo dell’Unione Valli e Delizie ha ammesso di aver abusato sessualmente di alcuni bambini dai tre ai cinque anni che frequentavano la scuola.

I casi accertati sono attualmente almeno quattro, quelli riconosciuti in maniera chiara dalle immagini, ma quelli coinvolti potrebbero essere anche di più.

Il giovane ha vuotato il sacco davanti agli inquirenti e ai video che lo ritraevano in atteggiamenti morbosi nei confronti dei piccoli alunni e il gip Domenico Truppa del tribunale di Bologna ha disposto nei suoi confronti il giudizio immediato, come chiesto dal pm.

L’inchiesta è nata nello scorso autunno, quando alcuni genitori si erano accorti dei cambiamenti nei comportamenti dei loro figli e avevano denunciato la situazione. Da lì, il pm Ciro Alberto Savino della Procura di Ferrara, insieme ai carabinieri, aveva avviato una serie di corpose attività investigative.

I militari, coordinati dalla Procura, avevano così installato telecamere nascoste e microfoni ambientali e, dopo aver avuto riscontro della segnalazione tramite le videoriprese, erano subito intervenuti per fermare e arrestare il 21enne.

L’operazione era avvenuta lo scorso 31 gennaio, quando due militari in abiti civili, adottando le cautele necessarie per non turbare la serenità dei bambini, che quindi non si erano accorti di quanto stava accadendo, erano entrati nella scuola e avevano immobilizzato il ragazzo, portato fuori con le mani dietro la schiena.

Il giovane è stato inoltre sottoposto a perquisizioni domiciliari e informatiche che hanno dato esito positivo. Nel telefono e nel pc dell’indagato è stato trovato materiale pedopornografico, in parte prodotto e poi diffuso da lui stesso, in parte scaricato dal web e da alcune chat Telegram: in tutto 112 foto e 9 video.

Al momento il 21enne è agli arresti domiciliari.

Nell’inchiesta, che nel frattempo da Ferrara è passata a Bologna, non si è esclude il coinvolgimento di altre persone, anche per accertare diversi livelli di responsabilità: ad esempio per capire perché il 21enne è stato lasciato solo con i bambini, quando non avrebbe potuto starci.

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com