Cronaca
19 Giugno 2024

Confessa in classe a 13 anni che il genitore abusa di lei

di Redazione | 2 min

Leggi anche

‘Bomba d’acqua’ e vento forte: rami e alberi abbattuti in provincia

Una violenta 'bomba d'acqua' con raffiche di vento si abbattuta sul Ferrarese attorno alle 13.30 provocando numerosi danni e disagi soprattutto alla viabilità, dato che in alcuni casi si è verificata la caduta di alberi e rami sulle strade rendendo impossibile il transito dei veicoli

Picchi di calore. Boom di accessi al ps di Cona

Negli ultimi giorni, a seguito principalmente dei picchi di calore dovuti alle condizioni meteo, si è verificato un forte afflusso di pazienti ai pronto soccorso della provincia, soprattutto quello dell'ospedale di Cona

Si sente male. Accosta il camion e muore

Prima la prontezza di rallentare e fermarsi giù di strada, poi la morte. È quanto accaduto intorno alle 21.30 di venerdì 19 luglio quando, lungo la Superstrada Ferrara-Mare, un camionista ravennate di 53 anni ha perso la vita, stroncato da un malore improvviso

“Tu sei mia figlia e faccio quello che voglio”. È una delle frasi shock riferite da una ragazzina di 13 anni in classe. La classe che frequenta la tredicenne stava affrontando una lezione di educazione sessuale. Nel corso di quest’ora la giovane avrebbe detto a voce alta, di fronte a docenti e compagni, che il genitore le rivolgeva frasi e attenzioni particolari.

L’alunna è stata quindi sentita in privato dai professori, ai quali ha confermato quanto detto in precedenza. A quel punto, d’obbligo, è scattata la denuncia alla procura da parte del dirigente scolastico dell’istituto.

Secondo la pubblica accusa l’uomo avrebbe rivolto alla minore apprezzamenti palesi sul suo aspetto fisico e, inoltre, “agendo repentinamente e con mosse insidiose”, annota la procura, l’avrebbe costretta a subire palpeggiamenti.

Di fronte alle proteste della figlia che, piangendo, gli chiedeva di smettere, lui avrebbe risposto “tu sei mia figlia e faccio quello che voglio”. Fatti che sarebbero avvenuti nei primi mesi dell’anno.

Una versione che trova disorientati la stessa madre, separata dal padre, e i nonni materni, con i quali la giovane passa gran parte del giorno. I parenti, sentiti a sommarie informazioni dagli inquirenti, riferiscono di non aver mai notato comportamenti sopra le righe e che la figlia ha un rapporto normalissimo con il genitore.

Ora il genitore, 50 anni, è accusato di violenza sessuale (aggravata dal grado di parentela e dalla minore età) nei confronti della figlia. Ieri (martedì 18 giugno) si è tenuta l’udienza davanti al gip Carlo Negri. Il giudice ha nominato la psicologa Paola Barbiero per effettuare una perizia sulla capacità a testimoniare della ragazzina.

A settembre, dopo il deposito delle conclusioni, l’esperta verrà sentita in aula.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com