Politica
17 Giugno 2024
Il sindaco di Ferrara inizierà le consultazioni. La squadra entro la fine della settimana

Verso la nuova giunta Fabbri

di Redazione | 2 min

Leggi anche

I sette piani del Pd

Oggi vi presento un signore. Si chiama Giuseppe Corte. No, non Conte. Quello è il simbolo dello sfacelo del Movimento 5 Stelle. Questo è Corte. Con la erre. Ed è il simbolo dello sfacelo del Partito democratico di Ferrara

Azione lancia la Fabbrica dei Riformisti

Crediamo fermamente che un approccio riformista, che scavalchi le appartenenze politiche, orientato al progresso e all'innovazione, sia essenziale per affrontare le sfide complesse che la nostra società deve affrontare oggi

L’Emilia-Romagna è la Regione che cresce di più in Italia

Dal 2014 a oggi l’Emilia-Romagna è la Regione che cresce di più in Italia. Sia dal punto di vista economico, sia da quello sociale, registrando dati che la collocano sopra la media nazionale e ai livelli delle regioni europee più avanzate

Prima seduta ‘operativa’ del Consiglio, focus sulle commissioni

È in programma oggi, lunedì 15 luglio, alle 15, la prima seduta 'operativa' del nuovo consiglio comunale, dopo la 'passerella' dello scorso 28 giugno quando, in Darsena, la nuova giunta giurò, dando ufficialmente il via al secondo mandato del sindaco Alan Fabbri

Trasporti. Sciopero nazionale per giovedì 18 luglio

Le segreterie territoriali di Bologna e Ferrara delle organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil-Uilt, Faisa-Cisal, Ugl-Fna hanno comunicato l’adesione allo sciopero nazionale di quattro ore di tutte le lavoratrici e lavoratori dipendenti delle imprese cui si applica il Ccnl Autoferrotranvieri Internavigatori (Mobilità Tpl) proclamato dalle segreterie nazionali degli stessi sindacati per giovedì 18 luglio

Tra oggi e domani il riconfermato sindaco Alan Fabbri inizierà le consultazioni con gli alleati ed entro la fine della settimana avrà pronta la sua squadra di governo. Se Fabbri dovesse affidarsi di nuovo alla ‘formula 9’ (tanti erano gli assessori di cui si è circondato alla passata consiliatura), possono essere certi della riconferma Nicola Naomo Lodi in quota Lega, Alessandro Balboni per Fdi, Matteo Fornasini (Forza Italia) e Cristina Coletti (Lega).

È noto che Fabbri tende a ‘premiare’ con il passaggio in giunta chi tra gli eletti ha riscosso i numeri maggiori di preferenze. Uno schema che chiuderebbe la porta alle ex assessore Micol Guerrini e Dorota Kusiak e ad Andrea Maggi che, pur forte di 441 voti non è entrato in consiglio comunale con la sua lista Ferrara al centro, che ha raccolto il 2,24%.

Ma nulla è perduto per l’ex assessore allo Sport e ai lavori pubblici. Cinque anni fa Guerrini, reduce dall’1,2% di Ferrara Civica entrò in giunta, anche se aveva già praticamente in tasca la tessera della Lega.

Potrebbe rischiare anche Angela Travagli, assessore a lavoro e attività produttive nell’ultimo lustro. Le sue 387 preferenze non la mettono al riparo dal possibile sorpasso di Silvia Fabbri, neoeletta e seconda dei più votati nella lista del sindaco con 483 segni di matita. Vero è che il 30 percento collezionato dalla lista personale del sindaco dovrebbe garantire almeno tre assessorati.

Secondo questo schema rischia però di rimanere fuori dal nuovo esecutivo Marco Gulinelli, apprezzato da appena 272 elettori. L’ex assessore alla cultura era stato nel 2019 l’uomo di Sgarbi. Ma il noto critico d’arte questa volta, tutto impegnato nelle europee, non ha dato il proprio supporto alla cavalcata di Fabbri.

Torniamo ai nomi sicuri allora: oltre a Lodi (che spinge per l’urbanistica, contesa anche da Francesca Savini), Balboni (futuro vicesindaco), Fornasini e Coletti, possono ben sperare in uno scranno Francesco Carità, mister preferenza con 1100 voti e Chiara Scaramagli, coordinatrice comunale e vicepresidente Acer, il secondo nome che Fratelli d’Italia pretenderà in giunta.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com