Cronaca
16 Giugno 2024
Indagati per presunta colpe medica tre medici e un infermiere di Cona per la morte di Stefano Farina

Morì al pronto soccorso, la procura ordina l’autopsia

di Redazione | 1 min

Leggi anche

Giuliana Fabbri nuova direttrice sanitaria dell’Ausl di Ferrara

Giuliana Fabbri è stata nominata direttrice sanitaria dell’Azienda Usl di Ferrara in sostituzione di Emanuele Ciotti che dal primo agosto prenderà servizio come direttore sanitario della Città della Salute di Torino. La dottoressa Fabbri manterrà ad interim il ruolo di subcommissaria sanitaria dell’Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara

‘Bomba d’acqua’ e vento forte: rami e alberi abbattuti in provincia

Una violenta 'bomba d'acqua' con raffiche di vento si abbattuta sul Ferrarese attorno alle 13.30 provocando numerosi danni e disagi soprattutto alla viabilità, dato che in alcuni casi si è verificata la caduta di alberi e rami sulle strade rendendo impossibile il transito dei veicoli

Granchio blu, nuovo stanziamento da un milione per sostenere lo smaltimento

Non tutti gli esemplari di granchio blu raccolti in questi mesi, durante l’emergenza che sta mettendo a durissima prova il settore della pesca e dell’acquacoltura nell’Alto Ferrarese, possono essere destinati alla commercializzazione. Una parte, infatti, non è adatta e va smaltita. Per sostenere quest’attività, la Regione ha approvato un nuovo bando da un milione di euro

Era entrato in pronto soccorso lo scorso 29 maggio e di lì a poche ore è morto. A soccorrerlo erano stati tre medici e un infermiere. Ora il procuratore capo Andrea Garau, dopo un esposto inviato dalla sorella della vittima, vuole far luce sulla morte di Stefano Farina, ferrarese di 54 anni.

Per farlo il magistrato ha firmato un avviso di accertamenti tecnici irripetibili con contestuale avviso di garanzia ai quattro professionisti in forza al Sant’Anna.

Gli indagati, assistiti i tre medici dall’avvocato Marco Linguerri e l’infermiere dall’avvocato Michele Ciaccia, dovranno valutare se nominare un consulente di parte in vista di lunedì mattina, quando ci sarà il conferimento dell’incarico per svolgere l’autopsia al consulente della procura Matteo Tudini, medico legale di Bologna.

Al consulente la procura chiede di verificare l’epoca, le modalità, le cause del decesso e la compatibilità dello stesso con la dinamica dei fatti che hanno portato alla morte. Oltre a questo, Tudini dovrà valutare l’eventuale sussistenza di tracce o segni tali da far ritenere la causa della morte riconducibile a ipotesi di reato o all’opera di terzi: il consulente dovrà capire, in sostanza, se l’evento luttuoso può essere ricondotto a una ipotesi di colpa medica o se invece è avvenuto per cause naturali.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com