Politica
11 Giugno 2024
Il più giovane candidato in corsa alla carica di sindaco ottiene solo il 2%. Anche se dispiaciuto, non colpevolizza gli elettori e continuerà a fare politica fuori dalla logica dei partiti

Botti (Ferrara Futura): “Le persone hanno premiato Alan, non i partiti”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Pd, il nuovo capogruppo è Massimo Buriani

Il presidente del gruppo consiliare Partito Democratico nella consiliatura 2024-2029 sarà Massimo Buriani, figura esperta che coordinerà e accompagnerà la crescita di una compagine ampiamente rinnovata dopo le ultime elezioni

Nuova giunta. Giuramento in Darsena al tramonto

C’è una data e un luogo per la prima seduta del Consiglio comunale che rappresenterà Ferrara per i prossimi cinque anni. Il consesso è stato infatti indetto per venerdì prossimo, 28 giugno, a partire dalle ore 20.30 in Darsena, presso il Consorzio Wunderkammer (via Darsena 57) nell’orario di maggior spettacolo visivo: quello del tramonto che si specchia sull’acqua

Avs e Possibile: “Chiudere i bar del centro per i concerti è insostenibile”

Federico Besio referente Europa Verde Ferrara e candidato ne La Comune di Ferrara alle scorse elezioni amministrative, specificando una posizione condivisa tra Europa Verde, Sinistra Italiana (Alleanza Verdi Sinistra) e Possibile, chiede "all’amministrazione di riconsiderare questa ordinanza e di dialogare con i locali coinvolti per trovare una soluzione"

Autonomia. Bergamini (Lega): “Bonaccini incoerente”

“Bonaccini non sa proprio dove la coerenza sia di casa”. Il deputato ferrarese della Lega Davide Bergamini attacca il neo europarlamentare in tema di autonomia. Il giorno prima Bergamini applaudiva all'approvazione della riforma: “si compie un importante traguardo storico della Lega che ottiene l'approvazione di una riforma che rende il Paese più moderno, efficiente e competitivo"

“A giudicare dal risultato delle urne si vede che abbiamo sbagliato noi”. Così Daniele Botti osservando i risultati degli scrutini delle comunali. Ferrara Futura raggiunge infatti, a fatica, il 2%. Il candidato sindaco “non vuole dare la colpa agli elettori” e intende “ripartire da una grande autocritica personale”. Tuttavia, dichiara di guardarsi allo specchio con grande dignità e soddisfazione per quello che ha portato in questi ultimi mesi.

E’ solo l’inizio, allora, per il giovane imprenditore e papà anche se sperava di “mettere almeno un consigliere comunale” nelle sue prospettive. Botti ricorda che nel 2019 prese 226 preferenze personali, che a questo giro ha quadruplicato, e ironizzando afferma che “se la matematica non è un’opinione magari tra cinque anni si moltiplicheranno per quattro e tra dieci sarò sindaco”. A penalizzarlo, secondo lui, il budget ristretto per la campagna elettorale e la tempistica. Difatti, è partito solo tre mesi fa e “nonostante questo posso dire che il risultato non mi dispiace”.

Non solo, Botti ritiene che siano i centristi a pagare lo scotto di una campagna elettorale del centro sinistra “che non ha portato alcun tipo di contenuti, ma ha solo svilito il suo competitor”. Questo avrebbe così spaventato i cittadini che “anziché rischiare di dare l’amministrazione in mano a questo tipo di progetto, piuttosto firmo col sangue una croce su Alan Fabbri Sindaco”. Aggiunge anche una riflessione sulla proiezione dei risultati osservando che a prendere più preferenze è stato Alan Fabbri personalmente: “Le persone si fidano di lui più dei partiti che ha al seguito”. Questo per il candidato di Ferrara Futura è un segnale positivo perché significa che “il sistema dei partiti è in crisi in questa città”.

Su quest’ultimo punto, Botti è curioso di vedere come Fabbri sistemerà gli equilibri interni. “Io penso che questa sia una grande opportunità per il secondo mandato – dichiara – perché se Alan avrà abbastanza coraggio potrà dare grande respiro civico alla sua amministrazione”. Cosa che non ha fatto negli ultimi cinque anni ed è il motivo per cui Botti si è distaccato per intraprendere un suo percorso personale. Il futuro politico per lui sarà quello di darsi una “struttura più organizzata” e afferma che entro dieci giorni preparerà una documentazione da fornire all’Amministrazione perché ritiene che sia fondamentale fare opposizione attraverso il dialogo e fornendo subito un valore aggiunto. “Penso che Ferrara possa essere un magnifico territorio di sperimentazione politica – conclude Botti -. Mi piace la politica, è una cosa che adoro fare. Tengo la testa alta senza necessità di dovermi nascondere sotto il tappeto sapendo che quando i miei figli cresceranno, saranno orgogliosi di me”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com