Cento
24 Maggio 2024
Ormai giunto alla quattordicesima edizione si tratta di un progetto che ha avvicinato al teatro centinaia di ragazzi

“Antigone” di Sofocle spettacolo conclusivo de “La Ginnastica dello Spirito”

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Rapina in villa a Corporeno. Cinque anni per uno degli assalitori

Cinque anni di reclusione, 2.500 euro di multa e 5.000 euro di provvisionale per ogni parte civile. È la pena che ieri (19 giugno) il collegio del tribunale di Ferrara ha inflitto a Ilir Musai, 47enne di nazionalità albanese, condannato per la tentata rapina con pistola ai danni di una famiglia di Corporeno

Vm. Accorsi: “Chiarezza da parte dell’azienda”

L'assessore regionale allo Sviluppo Economico e Lavoro Vicnezo Colla aveva chiesto al governo garanzie occupazionali e investimenti innovativi. Sulla stessa lunghezza d'onda il sindaco di Cento Edoardo Accorsi

Cento. Sabato 25 maggio triplo appuntamento con lo spettacolo conclusivo del laboratorio di Teatro “La Ginnastica dello Spirito” – (giunto alla sua quattordicesima edizione) destinato agli alunni della Scuola Secondaria di Secondo grado del territorio.

I ragazzi coinvolti nel progetto, da ottobre scorso, interpreteranno l”Antigone” di Sofocle mentre gli spettacoli si svolgeranno alle ore 9.30 e alle ore 11.30 (aperto alle scuole) e alle ore 21 (aperto a tutti).

Il progetto: la Ginnastica dello Spirito è giunto ormai al suo quattordicesimo anno di realizzazione e ha visto centinaia di ragazzi avvicinarsi al teatro e calcare il palcoscenico sotto la guida del regista Massimo Bagliani e il coordinamento del Prof. Claudio Ricci. Gli alunni del Liceo Cevolani potranno quindi anche quest’anno cimentarsi con un importante testo letterario ricoprendo il ruolo di attori e di coro scenico. Anche quest’anno il progetto vanterà anche la partecipazione degli alunni dell’Istituto F.lli Taddia (per la parte scenografica e grafica) e dell’Istituto ISIT Bassi-Burgatti (per gli aspetti tecnici dello spettacolo audio, luci e video)

La trama: Antigone, figlia di Edipo, si scontra contro il potere della città per ottenere la degna sepoltura del fratello morto traditore. Infatti in seguito a una maledizione suo fratello Polinice, in contrasto col fratello Eteocle, aveva preso le armi contro la Patria reclamando il potere. Al compimento
della maledizione i due fratelli si uccidono a vicenda, ma avendo Polinice attaccato la città non poteva, secondo la legge, essere sepolto con onore al suo interno. Antigone in nome dell’affetto verso suo fratello si appella a quelle leggi non scritte degli dei che tutelavano dall’alto il diritto familiare. Lo scontro con Creonte, il sovrano, è fortissimo poiché l’attaccamento di Creonte alle leggi della Patria viene prima di ogni affetto. Antigone è condannata a morte da Creonte per aver seppellito il fratello e Creonte è annientato dalla notizia del suicidio del figlio Emone uccisosi alla scoperta della morte della sua promessa sposa Antigone.

Antigone ribelle, Antigone dolente, Antigone eroica, Antigone martire, Antigone figlia, ma soprattutto Antigone sorella, che si oppone alle leggi della città in nome dei diritti sacri della famiglia e del sangue.
Da quando Sofocle ha messo in scena la figlia di Edipo nel suo confronto epocale con il re di Tebe Creonte, Antigone è stata elevata a modello della ribellione individuale contro la sopraffazione dello stato. Dovunque vi siano discriminazioni razziali, conflitti, intolleranze religiose, dovunque una minoranza levi la sua voce a reclamare giustizia, Antigone torna ad assumere il ruolo dell’eroina che sfida i regimi totalitari in nome di una pietas universale che si estende dai fratelli di sangue a tutti gli uomini sentiti come fratelli. Nel testo esemplare di Sofocle rivive un mito che attraversa più di due millenni e la cui presenza nella storia della civiltà occidentale non può considerarsi conclusa.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com