Cronaca
24 Maggio 2024
L'imputata Isabella Internò si è rifiutata di rendere spontanee dichiarazioni. L'inizio della discussione è stato fissato per l'8 luglio, la decisione il 19 o il 24 dello stesso mese

Processo Denis Bergamini. La sentenza a fine luglio

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Hera. Accordo con i sindacati, salta lo sciopero

Un "Patto del Buon Lavoro" tra Hera e le Segreterie Nazionali delle sigle sindacali (Filctem e FP Cgil, Femca, Fit e Flaei Cisl, Uiltec e Uiltrasporti Uil, Fiadel e Cisal Federenergia). Un patto, dicono da Hera, che "chiude una lunga vertenza e sancisce la nascita di una fase innovativa nelle relazioni industriali e di un modello partecipativo"

Scambio di droga in Gad. Arrestato un pusher 29enne

Ancora droga in Gad dove, nella serata di martedì 18 giugno, all'interno di un parcheggio in via Lucrezia Aguiari, i carabinieri hanno notato un 29enne di nazionalità nigeriana mentre stava cedendo due involucri di cellophane a un 22enne italiano, che gli dava 40 euro in cambio

Codigoro. Palazzo evacuato, incendio con 10 feriti. Ma era solo una simulazione

La macchina dei soccorsi si è immediatamente mobilitata e mentre il personale dipendente calava nella realtà le operazioni prescritte dal Piano d'emergenza, culminate con l'evacuazione dell'edificio, i soccorritori del 118, coordinati dal Disaster Manager dell'azienda Ausl di Ferrara, hanno preso in carico ben 10 (presunti) feriti, tra cui due bambini, sei donne e due uomini

Controlli interforze a 56 autovetture e 68 persone

Nuovi controlli interforze nel pomeriggio del 17 giugno. Le attività sono state finalizzate a individuare situazioni di illegalità, con particolare riferimento all’individuazione di soggetti che pongono in essere condotte legate ai reati di natura predatoria e allo spaccio di sostanze stupefacenti

Confessa in classe a 13 anni che il genitore abusa di lei

“Tu sei mia figlia e faccio quello che voglio”. È una delle frasi shock riferite da una ragazzina di 13 anni in classe. La classe che frequenta la tredicenne stava affrontando una lezione di educazione sessuale. Nel corso di quest'ora la giovane avrebbe detto a voce alta, di fronte a docenti e compagni, che il genitore le rivolgeva frasi e attenzioni particolari

di Stefania Scarfò
Dopo oltre due anni e mezzo di udienze con l’escussione di più di cento testimoni, il processo a carico di Isabella Internò, unica imputata, con l’accusa di concorso in omicidio, per la morte del calciatore del Cosenza Denis Bergamini avvenuta a Roseto Capo Spulico il 18 novembre 1989, è ormai ai titoli di coda.
La sentenza arriverà, infatti, nel mese di luglio. Lo ha annunciato la presidente della Corte d’Assise Paola Lucente, che ha stilato il calendario delle discussioni finali che prenderanno il via il prossimo 8 luglio. Sentenza prevista per il 19 o il 24 luglio.
Oltre alla stesura del calendario, l’ultima udienza, alla quale non era presente l’imputata che, lo ricordiamo, si è rifiutata di rispondere alle domande di Procura e Corte e non ha inteso neanche rilasciare spontanee dichiarazioni, è stata incentrata sulla richiesta di acquisizione da parte della Procura e delle parti di nuova documentazione e sulle istanze di 507 (l’ammissione di nuovi testimoni).
Il pm Luca Primicerio ha chiesto l’acquisizione di alcuni articoli de La Gazzetta del Sud e di una puntata de Il Processo del lunedì, relativi ai giorni immediatamente precedenti e successivi la tragica morte di Denis.
Chiesta, inoltre, l’acquisizione dei biglietti di auguri natalizi acquistati dal calciatore rossoblù prima della sua morte e rinvenuti dalla sorella Donata, i verbali delle sit rilasciate dall’ex allenatore del Cosenza Gianni Di Marzio e anche la richiesta di riapertura indagini sul caso avanzata dall’allora avvocato di parte civile Gallerani e due verbali di interrogatorio dell’imputata risalenti al 2013 e al 2014.
Domandata, infine, l’acquisizione di alcune foto scattate dall’ispettore di polizia giudiziaria Pasquale Pugliese del luogo in cui è stato rinvenuto il corpo senza vita del giovane. Il pm ha precisato che qualora la Corte avesse ritenuto di voler acquisire queste ultime foto avrebbe fatto istanza di 507 per sentire proprio l’ispettore Pugliese sui fatti.
L’avvocato Alessandra Pisa, oggi in rappresentanza anche degli avvocati Fabio Anselmo e Silvia Galeone, ha chiesto l’acquisizione di tre sentenze definitive (due italiane: casi Gambirasio e Fava, una del SudAfrica) nelle quali il marker della glicoforina è stato dirimente per giungere ad un verdetto.
L’avvocato di Isabella Internò, Angelo Pugliese ha, dal canto suo, chiesto l’acquisizione di due sentenze di processi nei quali era stato chiamato in causa, come consulente, il dottor Fineschi. Affidata, infine, all’avvocato Pasquale Marzocchi, in sostituzione dell’avvocato Cribari, la richiesta di sentire come nuovi testimoni Antonella Leoncini, una giovane che nel 1989 scrisse una lettera a Denis, E Daniele Simeoni, ex calciatore del Cosenza (fino al 1986) che in qualche occasione uscì, assieme alla compagna Carla Crispino, con Denis e Isabella.
Dopo essersi ritirata per deliberare, la Corte, presieduta da Paola Lucente (a latere Marco Bilotta) ha deciso per l’acquisizione di tutto il materiale documentale prodotto dalle parti e non ha ammesso, in quanto ritenute non necessarie a fornire nuovi ed ulteriori dati, le nuove testimonianze di Leoncini e di Simeoni, né tantomeno quella dell’ispettore Pugliese (del quale è stato però acquisito il nuovo materiale fotografico).
Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com