Politica
19 Maggio 2024
Gli ultras della Spal contro il nome della Lega: “Pietro Scroccarello è il simbolo di un’assurda repressione che ci colpisce da decenni”

La Curva Ovest si schiera contro la candidatura dell’ex capo della Mobile

di Redazione | 2 min

Leggi anche

L’autista lo vuole far scendere e lui lo minaccia con un’accetta

Aveva preso un autobus per recarsi a Porto Garibaldi, ma il suo viaggio è finito all'interno di una vettura dei carabinieri. Un uomo di 47 anni, di nazionalità italiana, residente a Monza e con alcuni precedenti alle spalle, è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, interruzione pubblico servizio e porto di strumento atto a offendere

Un decalogo per difendersi dalle ondate di calore

Le ondate di calore si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità. Quali sono i rischi per la nostra salute, come evitarli e quali sono i servizi sul territorio?

La Curva Ovest interviene nella campagna elettorale per le elezioni comunali di Ferrara e lo fa per puntare il dito contro una candidatura.

“Abbiamo pensato bene – recita il comunicato pubblicato sulla pagina Facebook – se intervenire sulla vicenda perché la nostra storia, che da sempre ci contraddistingue attraverso fatti concreti, dice che siamo una curva al di sopra delle logiche partitiche e che risponde a dinamiche completamente avulse dalla partitica locale e nazionale”.

Il nome all’indice è quello di Pietro Scroccarello, ex capo della Squadra mobile ed ex vicequestore di Ferrara, inserito nella lista della Lega. La Ovest non teme “in alcun modo di essere strumentalizzata” ma ha deciso che “non possiamo tacere sulla candidatura di Pietro Scroccarello depositata nei giorni scorsi con la lista della Lega a Ferrara”.

“La candidatura di questa persona per noi è irricevibile e pericolosa – affermano i tifosi -. Pietro Scroccarello, in questa città, rappresenta il simbolo autoritario di nemico degli spazi aggregativi e dei movimenti inclusivi come il nostro, è il simbolo di un’assurda repressione che ci colpisce da decenni, una persona che è stata a capo di un reparto in cui sono fioccate condanne che ancora oggi feriscono questa città e che ci ha strappato in modo barbaro Federico Aldrovandi, un ragazzino di 18 anni ammazzato senza una ragione all’alba di un giorno infame”.

“É una candidatura verso la quale esprimiamo il nostro fermo e totale dissenso – conclude la Ovest -. Completamente liberi da logiche di partito, osteggeremo sempre personaggi che riteniamo impresentabili per ricoprire ruoli istituzionali nella nostra città e chi li accoglie tra le proprie fila, che siano di destra o di sinistra”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com