Politica
19 Maggio 2024
Intervento di Milena Zaggia, rappresentante del Movimento Risparmiatori Traditi e candidata con Alan Fabbri

“Anselmo smetta di piangersi addosso solo per ciò che gli interessa”

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Due Comuni al ballottaggio

Oggi, domenica 23 giugno, dalle 7 alle 23, e lunedì 24, dalle 7 alle 15, le urne saranno aperte per accogliere i 13.548 elettori di Copparo e i 5.759 elettori di Tresignana

Ausl e Aosp. Le azioni per ridurre i tempi d’attesa

Ridurre i tempi d'attesa è l'obiettivo delle Aziende Sanitarie, un obiettivo indicato anche dalla Regione Emilia Romagna che ha stanziato 30 milioni di euro per riuscire a mettere in pratica il piano. Un piano corposo che le aziende hanno deciso di spiegare attraverso la voce del direttore del dipartimento interaziendale Cardiotoracovascolare, Biagio Sassone

Pd, il nuovo capogruppo è Massimo Buriani

Il presidente del gruppo consiliare Partito Democratico nella consiliatura 2024-2029 sarà Massimo Buriani, figura esperta che coordinerà e accompagnerà la crescita di una compagine ampiamente rinnovata dopo le ultime elezioni

Nuova giunta. Giuramento in Darsena al tramonto

C’è una data e un luogo per la prima seduta del Consiglio comunale che rappresenterà Ferrara per i prossimi cinque anni. Il consesso è stato infatti indetto per venerdì prossimo, 28 giugno, a partire dalle ore 20.30 in Darsena, presso il Consorzio Wunderkammer (via Darsena 57) nell’orario di maggior spettacolo visivo: quello del tramonto che si specchia sull’acqua

Avs e Possibile: “Chiudere i bar del centro per i concerti è insostenibile”

Federico Besio referente Europa Verde Ferrara e candidato ne La Comune di Ferrara alle scorse elezioni amministrative, specificando una posizione condivisa tra Europa Verde, Sinistra Italiana (Alleanza Verdi Sinistra) e Possibile, chiede "all’amministrazione di riconsiderare questa ordinanza e di dialogare con i locali coinvolti per trovare una soluzione"

di Milena Zaggia *

Abbiamo appreso dalla stampa il 1º maggio u.s. che il candidato Anselmo ha invitato chi ha subito l’esproprio dei risparmi di una vita con messa in risoluzione per D.L. Governo Renzi, della Cassa di Risparmio di Ferrara, a smettere di piangersi addosso e di rimboccarsi le maniche. Lo troviamo irrispettoso e assai poco costruttivo.

Per educazione speriamo sia solo l’ennesimo abbaglio nella foga di una inesperta comunicazione elettorale. Rimboccarsi le maniche è quello che noi facciamo dal 2015. Lei dov’era? Siamo felici per Lei e Suo padre che abbiate smesso di piangere; segno che ve lo potete permettere.

Il problema è che ci sono ancora famiglie azzerate nei loro risparmi, che continuano a soffrire del danno subito dalle scelte politiche del principale partito che la sostiene: il PD.

Comprensibile, quindi, il suo qualunquistico e superficiale invito all’oblio, stile “Scurdammoce ‘o passato…

Basta che ce sta ‘o sole”, di una vicenda grave in tutti i sensi creata dal suo partner politico sulla quale deve sfumare.

Come può pensare che i cittadini ferraresi perdonino chi li ha portati ad essere considerati come degli appestati dopo aver subito due terremoti, lo ricordiamo, uno sismico nel 2012 e uno economico nel 2015, con conseguenti morti e suicidi, e da ultima una pandemia?

Domenica 22 novembre 2015 è infatti una data che rimarrà nella storia “rossa” di Ferrara. Per questo Lei, coi suoi sostenitori PD variamente assortiti, dagli ex sindaci ai candidati, che si propone a Sindaco di questa città non può permettersi di mandare in cantina la sofferenza e l’umiliazione subita da tante persone, da tanti cittadini ferraresi.

Se vuole essere Sindaco di Ferrara, dovrebbe prima approfondire i motivi che hanno portato a quei fatti, alle conseguenze economiche che questi hanno condotto. Forse non vuole esserlo, dimenticavamo che a Lei interessa solo mandare a casa Fabbri e questa Giunta. Se volesse approfondire, scoprirebbe che i problemi di Ferrara accumulatisi in 70 anni hanno un solo erede-attore: il PD.

Lei si preoccupa di cosa fare dei 9 miliardi di risparmi non investiti? Ma pensa che chi ha subito un tale “stupro” possa avere ancora fiducia in candidati che hanno simili “padrini politici”? Cittadini che possano pensare anche solo lontanamente di ricadere tra le “forche” di Cda, amici degli amici, dirigenti e “politici”, complici e solo moralmente punibili, di sistemi di potere che hanno raso al suolo risparmi, fiducia, etica e civiltà?

Prima di pensare ai 9 miliardi serve un riacquisire fiducia, serve un disegno finanziario – regionale e locale – che parta dal sostegno ai più deboli, alle famiglie, alle piccole imprese per poter parlare di salario minimo, di lavoro, di anziani, di beni strutturali, di sanità, di scuola, di famiglia e di cultura.

Alan Fabbri, ancora prima di essere “Sindaco di tutti” ha cercato di aiutare in loco chi aveva perso i risparmi di una vita e a Roma l’On. Davide Bergamini ha fatto il resto. Un lavoro immane che ha coinvolto chi non si è mai pianto addosso e si è rimboccato le maniche da subito e se vuole Le possiamo raccontare come, visto che gli indennizzi provengono da una legge 2005 e i fondi dai conti dormienti.

Lei invoca di continuo un confronto con il Sindaco e ora anche con il Vicesindaco, ma è pronto a un confronto su questi temi prima di tutto con la Città? O vuole continuare a minimizzare?

È pronto a guardare in faccia i cittadini rimasti coinvolti dal terremoto economico del 2015 del crac di Carife, dopo quello della roulette dei derivati finanziari Dexia fatto dal Comune coi soldi dei cittadini?

Noi “risparmiatori azzerati” dei propri risparmi dal governo PD-Renzi con i ferraresi Franceschini e Marattin, in una notte di novembre con un freddo colpo alla nuca, Le auguriamo buona continuazione della professione.

*vice MRT, candidata lista civica Alan Fabbri Sindaco

intervento firmato anche da Giovanna Mazzoni MRT, Daniela Tassinari e Claudio Sandri

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com